Il Taccuino
DEDALOMULTIMEDIA
05-07-20

dunarea de jos 2020

 

Tutto Chiuso! No, tutto aperto! Macchè, mezzo chiuso e mezzo aperto. In Veneto così ed in Sicilia colà, in Campania si ed in Sardegna no: chi ci capisce è un genio. Nel marasma generale che sta devastando il già fragile cinema vuotonostro sistema, ogni giorno è una cosa a se, ogni Regione, Città o rione stabiliscono regole diverse e la confusione diventa angosciante.

Tuttavia è stato concesso a molte categorie di riaprire i battenti, con regole più o meno uguali, ma sta di fatto che molte saracinesche sono state rialzate. Quelle che però restano serrate e senza alcuna prospettiva sono quelle dietro le quali si produce cultura. E’ sempre lei a pagare di più e se l’abberrazione di qualche troglodita resta quella che tanto con la “Cultura non si mangia” ebbene dire che di cultura vivono centinaia di migliaia di lavoratori. Cinema, teatri, biblioteche e gran parte dei musei chiusi, mentre si parla con insistenza di riaprire balere e discoteche. Mah! I paradossi di un Paese morente.

Ma scusate: è proprio dell’altro mondo dire che ridurre la capienza di cinema e teatri per consentire il giusto distanziamento sia la soluzione? O piuttosto è da imbecilli dire che la cosa così è e così resta? A voi il giudizio.

Noi saremo forse gli ultimi in tutte le classifiche ( e non lo siamo), ma la nostra è una Città che di cultura si nutre da sempre. Immaginatela senza i suoi monumenti, senza l’Università, senza il teatro, senza i tanti club e circoli, animatori di mille iniziative di gran livello e avrete il quadro di una Città che non è la nostra. Aspettiamo con ansia qualche novità, ma tutto sembra rinviato al prossimo autunno con un danno per Enna e soprattutto per gli ennesi non quantizzabile, tanto è grave. Immaginatela senza le sue scuole, che come dicevamo qualche settimana addietro, da noi funzionano e peraltro con un’ottima offerta formativa. Anche in questo caso gli strappi in avanti e le repentine marcia indietro non si contano più.

Ora apprendiamo dalle menti che ci governano che a settembre torneranno elementari e forse medie, mentre per le superiori si fantasticano soluzioni da TSO: mezza classe si e mezza no, una classe che entra prima ed una dopo, una parte la mattina ed un’altra il pomeriggio, se possibile all’aperto e per i Docenti parte subito, parte come gli ultra cinquantacinquenni ( che sono la stragrande maggioranza ) dopo un attento monitoraggio. Mah! Paradossi di un Paese morente.

La nostra Costituzione parla di “Scuola” senza differenziazioni di sorta. Allora come si può pensare di considerare i ragazzi più grandi cosa diversa? Forse sono loro gli untori? E’ una delle tante cose che non si capiscono. La DAD è stata una potente soluzione d’emergenza, ma la classe è una piccola comunità insostituibile, rispetto alla quale non è permesso alcun frazionamento o peggio ancora il suo annullamento. Noi vogliamo assistere alle monellerie, ai piccoli dispetti, alla solidarietà fra compagni, alle cartuccelle nascoste per il compito e mai e poi mai assistere ad una generazione di webeti. Ma già, dimenticavo, a scuola si fa cultura e quindi ultima nella classifica delle attenzioni. Mah! Paradossi di un paese morente.

Dario Cardaci

Commenti   

0 #1 Luigi Pastorelli 2020-05-30 12:40
Più che paradossi sono ormai le regole certe , gli usi e le consuetudini della nostra piccola e misera Italia che da grande paese del passato è stata ridotta così da una classe politica indecente ,incapace, ladrona e corruttibile.
Ci siamo lasciati alle spalle i fasti di una volta , la nostra grande storia rimane solo un ricordo che annega nell'attuale mediocrità di un paese e di in popolo in cerca di una nuova identità , avendo smarrito la via maestra , avendo trascurato cultura e valori che una volta sono stati il nostro vanto.
Oh Italia ...Italia di dolore ostello...
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

VIA COL VENTO: Riflessioni sul razzismo e il suo contrario

VIA COL VENTO: Riflessioni sul razzismo e il suo contrario

Noi siciliani, pur con qualche eccezione, non siamo mai stati razzisti. Nemmeno in tempi recenti, in cui il razzismo è...

Mister Pergusa

Mister Pergusa

Non me ne voglia l’amico Mario Sgrò, attuale presidente di un nobile decaduto come l’Ente Autodromo, ma questa volta parliamo...

Riaprono discoteche e movida; resta chiusa la Cultura, tanto quella “Non si mangia”!

Riaprono discoteche e movida; resta chiusa la Cultura, tanto quella “Non si mangia”!

  Tutto Chiuso! No, tutto aperto! Macchè, mezzo chiuso e mezzo aperto. In Veneto così ed in Sicilia colà, in Campania...

I partiti: Il tempo dei nominati

I partiti: Il tempo dei nominati

  È di qualche settimana fa la notizia che Antony Barbagallo è il nuovo segretario regionale del Pd. L'opera di riorganizzazione...