Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
12-04-21

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della Disciplina dei Diritti Umani intende proporre alcune riflessioni circa la campagna vaccinale in corso pervaccinazioni di massa il personale scolastico.

Pur consci che l’attuale pandemia non potrà essere sconfitta o arginata se non attraverso un’efficace campagna vaccinale, corre l’obbligo di evidenziare alcune criticità rilevate da alcuni nostri colleghi:

Attualmente alcune scuole stanno stilando e pubblicando su canali non proprietari, cioè di terze parti (canali WhatsApp, gruppi Facebook etc.) elenchi del personale scolastico intenzionato ad aderire o meno alla campagna vaccinale senza che i diretti interessati abbiano espresso il proprio consenso alla divulgazione dei dati personali e sensibili. Tale situazione rappresenta una chiara violazione della privacy (Dlgs 196/2003 e succ. modifiche), con il rischio di incorrere in serie sanzioni per l’amministrazione e i soggetti autori dell’iniziativa di divulgazione. Come chiarito dall’autorità Garante della privacy (https://www.garanteprivacy.it/temi/coronavirus/faq#vaccini ), “il ruolo della scuola, anche nell’ambito delle proprie funzioni istituzionali, deve essere quello di promozione, supporto, nonché di intermediazione tra struttura sanitaria e famiglie, senza di regola raccolta di dati personali.”. Inoltre, l’istituzione scolastica in qualità di datore di lavoro “non può chiedere ai propri dipendenti di fornire informazioni sul proprio stato vaccinale”. Orbene, nei casi pervenutici, non solo vi è stata la raccolta di dati, ma è avvenuta anche la successiva diffusione in chiaro con gravissimo nocumento all’intimità di numerosi docenti. Va peraltro precisato che in numerosi casi non sarebbe stato chiesto nemmeno il previo consenso. A tal proposito giova rammentare che il Garante della privacy ha chiarito che “Il datore di lavoro non può considerare lecito il trattamento dei dati relativi alla vaccinazione sulla base del consenso dei dipendenti, non potendo il consenso costituire in tal caso una valida condizione di liceità in ragione dello squilibrio del rapporto tra titolare e interessato nel contesto lavorativo”.

Preoccupante pare anche la tendenza a scaglionare le vaccinazioni coinvolgendo l’intero corpo docente di ogni singola scuola, con la conseguenza di determinare assenze di massa nei giorni successivi alla somministrazione.

Quanto all’astensionismo e le defezioni che stanno interessando il personale scolastico ultimamente in merito alle prenotazioni vaccinali, in base ai dati in nostro possesso, esse non paiono dipendere dalla scarsa fiducia nei confronti della scienza e neanche da forme di egoismo incosciente o mancanza di senso di responsabilità, ma dalla molteplicità di informazioni contrastanti, ufficiali e non, circa effetti collaterali, fasce di età preferenziali, farmaci propedeutici (tachipirina, cardiospirina, antistaminico) da assumere prima / dopo / durante la somministrazione del vaccino.

Impensierisce il fatto che sia prevista dopo molte settimane la seconda dose di vaccino in quanto, a ridosso della chiusura delle scuole e in concomitanza con la stagione più calda e una minore incidenza delle malattie respiratorie, l’utilità dell’operazione sembra inficiarsi, soprattutto in considerazione del fatto che sarà molto probabilmente necessaria una nuova inoculazione vaccinale, come succede per la comune influenza, in previsione dei mesi più freddi (25 maggio 2020 casi contagio 300; 7 luglio 133 casi contagio; 18 agosto 401 casi contagio). Nello studio dei ricercatori del La Jolla Institute for Immunology, gli scienziati hanno determinato che la memoria immunologica persiste fino a 8 mesi dall'infezione (https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/da-non-perdere/covid-19-quanto-dura-limmunita)

Pervengono, infine, diverse segnalazioni circa l’incoerenza della presunta diffusione del vaccino Pfizer/Moderna (efficacia 95%) a soggetti non fragili e inoccupati e quindi a basso rischio di contagio, laddove il vaccino Astrazeneca (efficacia 60%) viene previsto indistintamente per tutti i docenti senza considerare il maggior rischio di contagio che taluni corrono maggiormente di altri. Si pensi ai docenti di sostegno che sono a stretto contatto con allievi e maggiormente esposti al virus e che -sotto tale profilo - possono senz’altro essere equiparati a taluni caregiver per i quali il protocollo vaccinale ha previsto la somministrazione del vaccino Pfizer/Moderna

Per tali motivi, invitiamo:

tutti i docenti che abbiano subito una violazione della privacy a continuare a segnalarlo al nostro indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

il Ministro dell’Istruzione a provvedere con urgenza anche a mezzo circolare a fine di limitare non solo la divulgazione di dati sensibili, ma anche un contenzioso che potrebbe generare gravi pregiudizi all’erario;

le autorità competenti tutte a ridefinire il protocollo di somministrazione del vaccino secondo criteri di maggior rischio di contagio.

Prof. Romano Pesavento                                            Prof. Alessio Parente

Presidente CNDDU                                               Segretario Generale CNDDU

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Rispolverando i Vecchi Giochi Siciliani di un Tempo… poi venne la Tv

Rispolverando i Vecchi Giochi Siciliani di un Tempo… poi venne la Tv

“Non c'è niente di più bello che vedere un bambino giocare con un vecchio, è come se i due punti...

Enna - Legambiente: Quella stazione in città

Enna - Legambiente: Quella stazione in città

La convocazione del Consiglio Comunale ennese per il giorno 12 Aprile sui temi della mobilità ed in particolare sulle questioni...

Quando il servizio militare era obbligatorio… i siciliani venivano destinati al Nord e i piemontesi al Sud

Quando il servizio militare era obbligatorio… i siciliani venivano destinati al Nord e i piemontesi al Sud

Era il 17 maggio del 1978 anch’io come la maggior parte dei giovani abili al servizio militare partii dalla mia...

Leonforte (EN ) - Sul Covid sono state date notizie totalmente false

Leonforte (EN ) - Sul Covid sono state date notizie totalmente false

In merito al servizio giornalistico trasmesso in questi giorni dal Tg3 Sicilia ci tengo a fare alcune doverose precisazioni...