Lo faccio io
DEDALOMULTIMEDIA
01-04-20

 

Nel periodo di criticità che stiamo vivendo è più importante che mai applicarsi in attività che stimolino l’estro e la fantasia e che cuscinopossano coinvolgere anche i bambini che , essendo ormai abituati ai telefonini, possono riscoprire il piacere della manualità in casa con l’aiuto dei genitori o i nonni.

Così ho immaginato un lavoro semplice che potrà essere eseguito con ciò di cui disponiamo a casa. Una proposta di taglia e cuci facile da realizzare con l’accostamento di tessuti diversi e colori contrastanti.

Patchwork è un termine che deriva dalle parole inglesi patch , toppa , e work , lavoro, significa letteralmente , “lavoro a toppe” e consiste nel cucire insieme pezzi di tessuto accostandoli l’uno all’altro.

Il Patchwork fu concepito come sistema per recuperare utilmente, “riciclare” panni logori o dismessi ma è riduttivo definirlo un “rattoppo”, infatti, esso è anche arte del mettere insieme tessuti diversi con risultati straordinari.

Per lavorare si può usare qualunque tessuto purchè messo in ammollo in acqua calda. Se il tessuto stinge, va senz’altro eliminato per evitare che il manufatto una volta finito si possa rovinare al primo lavaggio. Procedere poi con la stiratura per eliminare eventuali increspature della stoffa e infine tagliare senza dimenticare che alle misure di ogni toppa vanno aggiunti i margini di cucitura.

Dopo aver dato una misura al tuo cuscino (di solito 40x40 cm), disegna una sagoma di cartone di uguale grandezza. Prepara le varie stoffe e ritagliale nelle varie forme, come dallo schema da te creato. Stendere i pezzi di tessuto su una base di stoffa 40x40 cm e cucire i pezzi insieme con ago e filo per i bambini, a macchina per un lavoro più professionale.

Ritaglia un’altra base di stoffa 40x40 cm, uniscila alla faccia patchwork che hai preparato e inserisci un’imbottitura. Rifinisci lateralmente con punti di filo o con cerniera. Adesso che hai imparato, ricomincia con un altro cuscino…Buon lavoro!

Susanna Petronio

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.