Lo faccio io
DEDALOMULTIMEDIA
01-04-20

 

L’anonimo paralume è diventato un elegante cappello poggiato su di una bella struttura in ferro che ricorda un figurino da cappello stravagantesarta ma potete utilizzare qualsiasi piede o poggio che abbiate in casa. Mettete insieme tessuti anche di colore e struttura diversa che possano dare un tocco vivace al lavoro di insieme. Armatevi di pazienza e con ago, filo, un paio di metri di bordino di passamaneria, una lunga collana di bigiotteria che non mettete più e l’immancabile colla a caldo, siete pronti ad iniziare. Il taglio di stoffa più grande servirà come base del paralume che dovrà essere due volte e mezza la circonferenza dello stesso. Piegate il tessuto a fisarmonica lasciando tra una piega e l’altra una manciata di centimetri e cucite con dei punti di filo per fissare il lavoro. Appoggiate la stoffa sul paralume e incollate con colla a caldo rimboccando con cura verso l’interno della struttura aiutandovi con mollette da bucato che possano tenere fermo il tutto mentre procedete con la copertura dell’intera struttura. Tagliate il tessuto eccedente e rifinite con un bordino di passamaneria che servirà a coprire eventuali sbavature e imperfezioni. Con una striscia lunga di tessuto di un altro colore fasciate il cappello chiudendo con un grosso fiocco abbellito a vostro piacere da qualche fiorellino di tessuto già pronto o realizzato, rigorosamente, a mano. Per finire applicate la lunga collana con piccoli punti di filo e la metamorfosi è completa.

Susanna Petronio

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.