Ultima ora

DEDALOMULTIMEDIA

Venerdì, 01 Marzo 2024

 1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 27 FEBBRAIO 7 MARZO

Banner Dedalo 1000X200


 

L'Associazione Culturale Mondoperaio presenta un evento imperdibile per il pubblico ennese: l'incontro "Gorgona", che si terrà il 20gorgona Febbraio 2024 presso l’Urban Center di Enna, all’Ex Convento dei Cappuccini. L'evento culminerà con la proiezione aperta al pubblico del documentario omonimo di Antonio Tibaldi, insignito del premio come Migliore Documentario Italiano al Festival dei Popoli di Firenze nel 2022.

Il film, già applaudito durante il suo tour nazionale, approda in Sicilia per raccontare la straordinaria realtà della colonia penale agricola di Gorgona, l'ultima esistente in Europa, situata a poche miglia da Livorno. Un modello unico di rieducazione, il cui accesso richiede requisiti specifici: assenza di legami con la criminalità organizzata, assenza di dipendenze da sostanze e una pena definitiva sufficientemente lunga.

L'incontro sarà impreziosito dalla presenza di ospiti illustri, tra cui Carlo Mazzerbo, ex Direttore della Casa Circondariale di Livorno e della Sezione distaccata di Gorgona; Antonio Gelardi, già dirigente penitenziario; Salvatore Laterra, Presidente dell'Associazione Culturale Mondoperaio Enna; Pierelisa Rizzo, giornalista corrispondente ANSA e volontaria presso la Casa Circondariale L. Bodenza di Enna.

Mondoperaio, impegnata a fondo sul tema della condizione dei detenuti, ha recentemente condotto l'iniziativa di solidarietà "Raggio di Sole" nel 2024, donando beni di prima necessità ai detenuti meno abbienti in collaborazione con la Casa Circondariale L. Bodenza di Enna e l'Associazione Maria Santissima della Catena.

Il documentario "Gorgona" offre uno sguardo senza filtri sulla vita all'interno di questa particolare colonia penale, attraverso la sensibile telecamera del regista. Cinque detenuti diventano protagonisti, mostrando la loro quotidiana routine lavorativa, il rapporto con gli educatori e il percorso di rieducazione intrapreso. Il regista, con umanità profonda, restituisce al pubblico gesti e luoghi di un'isola sospesa nel tempo, impegnata in un processo di trasformazione in armonia con la natura e le relazioni umane.

Il documentario, elogiato per il suo sguardo di prossimità e la capacità di sollevare domande cruciali, affronta temi delicati come l'errore, la colpa e le responsabilità individuali e sociali. Un'opportunità imperdibile per il pubblico ennese di riflettere sulle possibilità di guarigione delle ferite e di riscatto individuale all'interno del sistema carcerario.

Foto: https://www.gnewsonline.it/cartabia-a-gorgona-il-carcere-della-speranza-modello-replicabile/

Commenti offerti da CComment