Sport

DEDALOMULTIMEDIA

Giovedì, 29 Settembre 2022

1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 23 SETTEMBRE 3 OTTOBRE

 

Una rete di istituzioni sia pubbliche che private che partecipi a questo non facile quanto ambizioso ed affascinante percorso. E' quella che vuole costruire l'Uisp che ha lanciato il progetto “Sport Per tutti” ovvero come far divenire lo sport protagonista nella ripresa socio economica del nostro paese in particolare douisppo gli anni bui della pandemia.Un progetto questo che coinvolge 15 regioni e 26 comitati territoriali Uisp e che in campo nazionale vede aderire Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Il dato di fatto è che lo sport e l'attività motoria in genere è uno dei più importanti fenomeni sociali che se “ben governato” può risultare se non determinante ma sicuramente molto importante in una politica di rilancio socio economico perchè lo sport ha una grande capacità di penetrazione in campo mediatico, economico, nelle politiche economiche, turistiche, ambientali sociali ed altro ancora.Tutti aspetti che il Coordinatore del Progetto in Sicilia e presidente del Comitato Territoriale Uisp Messina Santino Cannavò, ha evidenziato nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto lo scorso 22 luglio con la presenza di rappresentanti di numerose istituzioni, pubbliche e private, dal mondo accademico, economico, associazionismo, parti sociali, datoriali.E tutti hanno accettato con entusiasmo l'invito della Uisp ad aderire a questo “cartello” per sviluppare un progetto e un programma comune di attività.Così dopo i saluti del presidente Uisp Sicilia Vincenzo Bonasera che ha ribadito il pieno sostegno del Comitato Sicilia, ognuno ha fornito importanti spunti che saranno i punti cardine del programma che sarà stilato a breve.Che lo sport e l'attività sportiva sia agonistica che amatoriale possa essere importante per lo sviluppo di un turismo sostenibile è stato confermato dal Direttore del Gal Rocca di Cerere Marcello Troia. Ma quanto lo sport possa essere importante nella vita economica di una comunità sia come fattore promozionale e di “visibilità” ma anche per quello che può generare sia in modo diretto che da indotto lo ha ribadito il Docente della Facoltà di Economia dell'Università di Messina Filippo Grasso.Un aspetto a cui concorda totalmente la Cgil presente all'incontro con la sua referente regionale del Nidil (Nuove identità Lavorative) Floriana Solaro.Lo sport come fattore sociale inclusivo di enorme potenzialità e per questo motivo il coordinatore regionale del Forum del Terzo Settore Pippo Di Natale ha dato la sua massima disponuisp.jpgibilità ad aderire al progetto con l'istituzione da lui rappresentata. Tra gli attori principali sempre nelle politiche sportive sociali di una comunità ci sono sempre gli enti locali, che rappresentano la “testa di ponte” sul territorio, sia per la programmazione di attività ed iniziative che per le politiche di investimenti infrastrutturali. E da parte dei presenti il sindaco di Avola Rosaria Cannata, che dell'assessore alle Politiche sociali del Comune di Enna Giampiero Cortese che il delegato alle politiche sportive del Comune di Vittoria Fabio Prelati c'è stata la massima disponibilità compatibilmente con le proprie competenze ad aderire al progetto. Ha cocnluso il Presidente del Coni Sicilia Sergio D'Antoni, ha fatto la radiografia del mondo dello sport siciliano, sia da un punto della promozione alla pratica, da lato economico, di impiantistica dal rapporto con il mondo della scuola.D'Antoni ha assicurato la collaborazione tra l'istituzione Coni e il progetto Uisp.

Commenti offerti da CComment