Salute

DEDALOMULTIMEDIA

Venerdì, 09 Giugno 2023

 

1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 1 12 GIUGNO 1

 


Banner Dedalo 1000X200

Secondo uno studio Altis Università Cattolica, quasi 8 aziende su 10 hanno definito una strategia ESG (Environmental, Social, Governance) o siospedale luis melendez unsplash sono attivate per svilupparla. Un segnale positivo, ma c'è ancora molto da fare.

Il settore sanitario nel nostro Paese sta accelerando in termini di sostenibilità, con l'adozione sempre più diffusa tra le imprese di pratiche ESG, anche se c'è ancora molta strada da fare, specie per colmare il gap con le realtà degli altri principali Paesi europei. Questo, in estrema sintesi, è quanto emerge dal report di marzo 2023 "Sostenibilità in sanità: in quale direzione si stanno muovendo le aziende?". L'indagine è stata condotta da Altis Università Cattolica in collaborazione con Boston Consulting Group, Cerismas e Quantis per approfondire la propensione delle aziende sanitarie italiane a integrare nelle proprie strategie elementi di sostenibilità ambientale e sociale. Lo studio ha visto coinvolte 55 realtà leader del settore sanitario italiano attraverso un questionario, oltre all'analisi dei bilanci di sostenibilità di 14 società. Dalla valutazione dei dati emerge una crescente attenzione e un forte interesse degli operatori del settore verso gli ESG. Nel complesso, il 78% delle aziende interpellate dichiara di aver stabilito una precisa strategia di sostenibilità (36%) o comunque di essersi attivata per svilupparla (42%). Non solo. Il 60% delle aziende risulta impegnato nella messa a punto o nella sperimentazione di iniziative di carattere sociale e ambientale destinate a clienti e pazienti, mentre il 73% del campione dichiara di adottare criteri di sostenibilità nel decidere in merito alle risorse da destinare ai futuri investimenti, anche se in molti casi ciò avviene senza una precisa metodica.

Il ruolo sempre più rilevante delle tematiche ESG nella sanità, pur con importanti passi in avanti ancora da fare, ha un significato particolare in un settore dove l'operato delle aziende ha un elevato impatto sociale e contribuisce direttamente al benessere fisico delle persone. Nel contesto sanitario attuale, al pari di altri settori, si segnalano alcune società che hanno ben chiaro il proprio ruolo nella comunità e per questo hanno già messo a punto molteplici iniziative a sfondo ambientale e sociale. D'altro canto sono ancora molte le differenze con altre realtà imprenditoriali che hanno sviluppato delle azioni in maniera non sistematica e senza una reale integrazione in un piano specifico. Affinché le componenti ESG rientrino in modo strutturale nelle strategie aziendali è importante il coinvolgimento diretto dei vertici aziendali, il che avviene già nel 60% delle aziende interpellate per la ricerca "Sostenibilità in sanità". Un altro aspetto prioritario per l'approccio ESG è il rapporto con i propri clienti, che nel caso del comparto sanitario spesso sono anche pazienti. In questo senso risulta che 6 aziende su 10 hanno attivato iniziative sociali, per esempio per agevolare l'equità di accesso ai servizi di alcune categorie di persone, per poter usufruire di visite specialistiche e diagnostiche a domicilio, o ancora attività gratuite di informazione sulla prevenzione. Nonostante queste e altre best practice che dimostrano l'attenzione verso i propri clienti e pazienti, dall'indagine si nota che solo un'azienda su due adotta indicatori per misurare l'impatto derivante da tali iniziative.

https://www.adnkronos.com/aziende-sanitarie-italiane-sempre-piu-sostenibili_4dndpQD4eR1G7bxnrSj4Uu?utm_source=onesignal&utm_medium=push&utm_campaign=2023-04-16-Pharma-le-azien?refresh_ce

Commenti offerti da CComment