Salute

DEDALOMULTIMEDIA

Lunedì, 05 Dicembre 2022

1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 6 15 DICEMBRE 

Grande successo per il corso di formazione e aggiornamento dal titolo "Vaiolo delle scimmie – Rischi e protezione per gli operatori1 Nella foto da sinistra il dott. Arturo Montineri e Calogero Coniglio sanitari" rivolto alle professioni sanitarie e socio sanitarie organizzato dall' ANAFePC l'Accademia Nazionale per l'Alta Formazione e Promozione della Cultura con il patrocinio della Regione Siciliana e dell'Azienda Ospedaliera Universitaria "Policlinico – San Marco di Catania.

Vi hanno preso parte 100 persone tra infermieri, professioni sanitarie tecnici, biologi, medici e operatore socio sanitari. Ad aprire il corso di formazione il presidente dell'Accademia Calogero Coniglio, presidente dell'Accademia che ha sottolineato come la "formazione continua in sanità dell'operatore sanitario, avere l'obiettivo fermo di erogare assistenza sanitaria di qualità e perfezionare le capacità relazioni con pazienti e utenti, sono le tre componenti che completano un buon professionista in grado di assistere al meglio il paziente e rispondere con efficacia ai suoi bisogni.

Come relatori hanno partecipato il Prof. Arturo Montineri Infettivologo, primario del reparto di malattie infettive dell'A.O.U. "Policlinico – San Marco" di Catania, Michaela Donzuso Infermiera esperta in servizio nel reparto di neurochirurgia dell'A.O.U. "Policlinico – San Marco e Maurizio Cirignotta vice presidente dell'Accademia.

Al corso, moderato da Coniglio, i relatori hanno tenuto interessanti relazioni: le cause e le origini del vaiolo delle scimmie, ripercorrendo le tappe della sua evoluzione, quando è comparso, dove è stato il primo caso, la durata, il decorso, la sintomatologia e le modalità di trasmissione della patologia, gli individui più a rischio di contrarlo, sono stati analizzati i casi riscontrati in Italia, in Europa e nel mondo, soffermandosi sulla differenza tra vaiolo e vaiolo delle scimmie, le cure e il vaccino e quali comportamenti, dispositivi di protezione individuale devono utilizzare gli operatori sanitari per evitare il rischio di contagiarsi.

Un appuntamento formativo davvero importante per le professioni sanitarie per esaminare e approfondire le conoscenze sulle patologie infettive, l'origine, l'evoluzione, la diffusione del mondo e per interpretarne i cambiamenti, conoscere e apprendere nuovi comportamenti e mezzi per la prevenzione.

Commenti offerti da CComment