Istruzione e Formazione

DEDALOMULTIMEDIA

Venerdì, 01 Marzo 2024

 1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 27 FEBBRAIO 7 MARZO

Banner Dedalo 1000X200


 

Il premier Giorgia Meloni, durante il suo intervento al Vinitaly, ha parlato del Liceo del Made in Italy. Cosa ha in mente il governo? Per il Corriere delladiritto economia marketing ecco la fisionomia del diritto economia marketing ecco la fisionomia del 1642958684849418240 Sera, si tratterebbe di una variante, che un tempo si sarebbe definita “autarchica”, del Liceo Economico-Sociale introdotto ai tempi della riforma Gelmini.

Esaminando i dettagli, si notano poche modifiche nel biennio, ad eccezione della rinuncia alla seconda lingua straniera, sostituita da un leggero incremento di ore di informatica e storia dell’arte.

Nel triennio, tutte le ore di economia e diritto vengono orientate verso un approccio italiano e filo-italiano: gestione delle imprese del Made in Italy; modelli di business nelle industrie della moda, dell’arte e dell’alimentazione; Made in Italy e mercati internazionali.

È improbabile che il nuovo liceo possa essere introdotto già nel prossimo anno scolastico, considerando l’iter legislativo e che le iscrizioni avvengono a gennaio. Tuttavia, se il governo vi attribuisce grande importanza, accelerando l’approvazione e l’attuazione delle misure, ci sarebbero i tempi per avere le prime classi dall’anno scolastico 2024-25, al più tardi per quello successivo.

Rimane da comprendere, sempre secondo l’articolo del Corriere della Sera, l’utilità, al di là dell’indiscutibile efficacia di marketing della nuova denominazione, di un percorso di studio così settoriale in un contesto di mercato che, invece di “una solida preparazione identitaria”, richiederebbe figure professionali dinamiche ed adattabili, in grado di confrontarsi in modo competitivo con un mondo sempre più globalizzato.

Disegno di legge

Le materie del primo biennio: ​lingua e letteratura italiana; lingua e cultura straniera; storia dell’arte; matematica; informatica; scienze naturali; fisica; scienze motorie e sportive; storia e geografia; diritto ed economia politica; religione cattolica o attività alternative.

Per gli ultimi tre anni, invece: lingua e letteratura italiana, lingua e cultura straniera, storia dell’arte, matematica, informatica, scienze motorie e sportive, storia, filosofia, religione cattolica o attività alternative. Poi le novità: economia e gestione delle imprese del Made in Italy; modelli di business nelle industrie dei settori della moda, dell’arte e dell’alimentare; Made in Italy e mercati internazionali.

I quattro pilastri del provvedimento

1. Essere indirizzato allo studio della cultura giuridica ed economica e della tradi­zione umanistica del nostro Paese;

2. Fornire allo studente competenze particolarmente avanzate negli studi afferenti alle scienze giuridiche ed economiche, al l’interno di un quadro culturale che, riser­vando attenzione anche alle scienze matematiche, fisiche e naturali, consenta di cogliere le intersezioni tra i saperi e di elaborare una visione critica della realtà;

3. Guidare lo studente ad approfon­dire e sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per co­gliere la complessità e la specificità di al­cuni settori strategici dell’economia del Pa­ese, cosiddetti settori del Made in Italy;

4. Assicurare allo studente un per­ corso di acquisizione di conoscenze e di competenze molteplici per proseguire, in modo proficuo, la propria formazione in am­bito universitario e per inserirsi efficace­mente nel mondo del lavoro.

https://www.orizzontescuola.it/piu-ore-di-informatica-e-storia-dellarte-con-economia-e-diritto-ecco-il-liceo-del-made-in-italy-del-premier-meloni-possibile-inizio-nel-2024/

Commenti offerti da CComment