Eventi

DEDALOMULTIMEDIA

Mercoledì, 10 Agosto 2022

 

dunarea banner 2021

 

Tutto pronto a Palermo, per l'inizio della 39 edizione del festival "la macchina dei sogni" che si terrà nel quartiere Olivella, a pocchiTeatro Atlante 300 passi dal Teatro Massimo. La manifestazione, è diretta da Mimmo Cuticchio con il sostegno dell'assessorato regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana e del ministero dell Cultura."Il paese dei balocchi", dal 7 al 10 luglio 2022, si svolgerà infatti fra le sedi del Teatro dei Pupi "Figli d'Arte Cuticchio" in via Bara all'Olivella, di Palazzo Branciforte, sede della Fondazione Sicilia e del Museo archeologico regionale Antonino Salinas che ha già ospitato le due precedenti edizioni del festival.L'edizione del 2022 riparte dai bambini, in un momento storico difficile segnato dalla recente pandemia e dalla guerra ancora in corso in Ucraina, concentrandosi sul rapporto tra dentro e fuori, tra individuo e società, tra identità locale e comunità internazionale, alla luce appunto delle limitazioni di movimento e di relazioni che la pandemia ha imposto e al dissesto materiale e morale che la guerra sta provocando. Il programma è ricco fra spettacoli di teatro di figura, di narrazione e di pupi, laboratori e attività editoriali. Ognuna delle tre sedi coinvolte offrirà agli spettatori una proposta diversa."Questo Festival – sottolinea l'assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Alberto Samonà – ha il grande merito di far dialogare tra loro mondi differenti che hanno come comuni denominatori la nostra Palermo e la cultura vissuta a 360 gradi. Questa edizione è dedicata ai bambini che, negli ultimi anni, sono stati privati della loro capacità di sognare, travolti da scenari apocalittici. Mimmo Cuticchio riesce, ancora una volta, a realizzare un meraviglioso intreccio di trama e ordito grazie alle tante compagnie che, con stili e linguaggi differenti, ci rappresentano la capacità di trasmettere una tradizione orale molto ricca di preziosi elementi identitari. Tra i momenti che entusiasmeranno i piccoli, una novità assoluta: al Museo archeologico regionale Salinas, dopo ogni racconto legato al ricchissimo patrimonio esposto, verrà consegnata ai bambini una carta d'identità che permetterà loro di cercare e ritrovare, all'interno del Museo, i personaggi protagonisti delle storie ascoltate".A completare il racconto delle compagnie è il progetto "Piccoli dei". Si tratta di sei racconti inediti che prendono spunto dall'infanzia degli dei, ma che sono un pretesto per parlare di miti e leggende universali, scritti per l'occasione da Martina Forti e Lorenza Cingoli. Una narrazione inframmezzata da brevi momenti di drammatizzazione, nei quali due compagnie, Teatro degli Spiriti e Teatro Atlante, danno vita a scene e dialoghi che rievocano la vita e le vicende dell'Olimpo in chiave ironica e leggera.

Commenti offerti da CComment