Diritto per Tutti

DEDALOMULTIMEDIA

Venerdì, 27 Maggio 2022

 

dunarea banner 2021

 

Con la Legge 9 novembre 2021, n. 156 (di conversione del decreto-legge “Infrastrutture”, approvata giovedì 4 novembre in Senato (190 voti favorevoli, 34 contrari e nessun astenuto) e pubblicata in Gazzetta Ufficiale 9 novembre 2021, n. 267, sono stati modificati 40 articoli del Codice della Strada.iman Vaugz0s98pI unsplash

Il nuovo Decreto Infrastrutture include un sostanzioso aggiornamento del codice della strada, che è entrato in vigore il 10 novembre.

Diverse novità: la prima è che al volante, oltre allo smartphone, sarà vietato usare pure gli altri dispositivi elettronici, come tablet e simili; inoltre i pedoni e disabili vengono maggiormente protetti, novità anche per i neopatentati e sanzioni più pesanti per alcune infrazioni.

Riguardo i dispositivi vietati alla guida, oltre ai cellulari sono adesso espressamente menzionati smartphone, computer portatili, notebook, tablet e congegni analoghi che comportino anche solo temporaneamente l'allontanamento delle mani dal volante. Alla eventuale violazione si affianca una multa.

Circa i monopattini il casco continua a non essere obbligatorio, ma sarà tuttavia obbligatorio l'uso delle frecce nonchè l'assicurazione per i monopattini a noleggio, e dovranno circolare a non oltre i 20 km/h (non più a 25). Confermato il divieto di marcia contromano. Da mezz’ora dopo il tramonto, qualora situazioni di visibilità lo richiedano, le luci dei monopattini devono essere accese e il conducente deve indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti. L’ inosservanza di una di queste disposizioni prevede una multa di 50 euro. Confermata anche la norma che vieta al conducente di trasportare altre persone, oggetti o animali, farsi trainare da un altro veicolo, di avere libero l’uso delle braccia e delle mani e di reggere il manubrio sempre con entrambe le mani, salvo che non sia necessario segnalare la manovra di svolta sui mezzi privi indicatori di direzione. La violazione di una di queste disposizioni prevede una multa di 50 euro.

Istituiti i “parcheggi rosa”, destinati alle donne in stato di gravidanza e genitori con figli fino a due anni, dietro l’esibizione del rispettivo contrassegno; multe salate anche per chi occupa illegittimamente i detti parcheggi.

Dovrà prestarsi più attenzione ai pedoni sulle strade prive di semafori. "I conducenti devono dare la precedenza, rallentando gradualmente e fermandosi, ai pedoni che transitano sugli attraversamenti pedonali o si trovino nelle loro immediate prossimità. I conducenti che svoltano per inoltrarsi in un'altra strada al cui ingresso si trova un attraversamento pedonale devono dare la precedenza, rallentando gradualmente e fermandosi, ai pedoni che transitano sull'attraversamento medesimo o si trovino nelle sue immediate prossimità, quando ad essi non sia vietato il passaggio".

Cambiamenti anche per il foglio rosa la cui durata passa da 6 a 12 mesi. Inoltre, le nuove norme prevedono la possibilità per i neopatentati di guidare auto di grande cilindrata (oltre 55 kW/t e massima 70 kW), al primo anno, ma solo in presenza di un patentato esperto con la licenza da almeno 10 anni ma entro i 65 anni di età.

Inoltre dal 1° gennaio 2022 la sosta nei parcheggi contrassegnati dalle strisce blu saranno gratuiti per le persone con disabilità, se i posti a loro riservati sono esauriti. E per chi parcheggia in aree di sosta riservate al trasporto dei disabili è previsto un raddoppio delle multe fino a un massimo di 672 euro e i punti decurtati passano da 2 a 6. Novità anche per chi guida senza patente: resta ferma la multa di 42 euro, scontata del 30% se la si paga entro 5 giorni, ma non vi è più l’obbligo di presentarsi fisicamente presso le Forze dell’ordine per l’esibizione della patente.

 

Avv. Donatella Rampello

Commenta (0 Commenti)