Cultura e Arte

DEDALOMULTIMEDIA

Giovedì, 11 Agosto 2022

 

dunarea banner 2021

 

Il 27 aprile, alle 10 e 30, presso il Punto Stabile di Stabio (Svizzera), verrà battuta  all’asta la copia  cinquecentesca del Trittico su tavola  raffigurante ilbeato angelico “Giudizio Universale” del Beato Angelico. Copia realizzata dallo stesso autore e dal suo atelier e che costituisce pertanto  un unicum. La base d’asta è di 5.000 franchi  e il rilancio minimo fra una chiamata e l’altra sarà di mille.

L’opera originale, risalente al 1450, è conservata nella Gemäldegalerie di Berlino. L’opera fu donata da papa Urbano VIII al principe di Leonforte, e per questa ragione il trittico è anche detto di Leonforte. Il principe lo regalò nel 1628  al figlio Giuseppe, che lo volle collocare nella cappella funeraria della  chiesa dei Cappuccini. Passato alla famiglia Li Destri,  il trittico venne  trasferito  al castello Ursino di Catania, e nel 1987 fu al centro di una contesa fra i frati Cappuccini e i Li Destri.

L’opera avrebbe dovuto essere messa all’asta  nella galleria  Christie’s di Roma, ma il pretore di Leonforte Carlo Caponcello, dopo la denuncia di frate Cesare Maria  Alfonso Montalto che ne rivendicava la proprietà  su base di un testamento risalente al 1685 secondo il quale il principe Branciforti ne avrebbe fatto dono ai cappuccini, lo sequestrò cautelativamente.   Nel 1990 l’opera fu venduta  a Giuseppe Marano, un collezionista romano. Nel 2013, don Santo D’Accorso, rettore della chiesa dei Cappuccini, ottenne una copia dell’opera da affiancare  all’Elezione di Mattia all’Apostolato di Pietro Novelli. Ora Mente pubblica  Think Tank ETS ha lanciato una raccolta fondi necessaria a riportare  a Leonforte, in provincia di Enna il trittico e l’Università popolare ha aderito, certa che altri cittadini e altre associazioni si uniranno.

Gabriella Grasso del direttivo dell’Università Popolare

Commenti offerti da CComment