Benessere

DEDALOMULTIMEDIA

Martedì, 03 Agosto 2021

dunarea banner 2021

 

Digestivo, antispasmodico, antinfiammatorio, diuretico, espettorante.

L’olio essenziale di finocchio si ricava dalla pianta del finocchio dalle proprietà, e caratterizzata da un gradevole odore, noto a tutti.finocchio Questo olio essenziale vanta diverse proprietà curative. È un digestivo naturale, ma è anche un antispasmodico ed espettorante, è anche efficace per ridurre i disturbi della menopausa e per stimolare il ciclo mestruale, alleviandone i dolori.

Si può assumere per bocca e usare per massaggi per alleviare i disturbi legati al ciclo e come drenante per ridurre gli inestetismi della ritenzione idrica Si utilizza anche in aromaterapia sfruttando il suo gradevole odore simile all'anice, agisce come tonico, liberando la mente da ansie e negatività.

Scopriamone tutte le caratteristiche e le proprietà.

 

Contenuti

  • 1 Olio essenziale di finocchio: cosa è
    • 1.1 Come si ottiene l’olio essenziale di finocchio
    • 1.2 La pianta di finocchio
    • 1.3 Metodo di estrazione dell’olio di finocchio
    • 1.4 Dove si compra l’olio essenziale di finocchio
  • 2 Olio di finocchio dolce: composizione
  • 3 Benefici dell’olio essenziale di finocchio
    • 3.1 Quando usare l‘olio essenziale di finocchio
  • 4 Olio essenziale di finocchio: come si utilizza
  • 5 Uso interno dell’olio essenziale di finocchio
  • 6 Uso esterno dell’olio essenziale di finocchio
    • 6.1 L’olio di finocchio diffuso nell’aria
    • 6.2 Suffumigi con l’olio essenziale di finocchio
    • 6.3 Massaggi con l’olio essenziale di finocchio
    • 6.4 L’olio essenziale di finocchio in cosmetica
  • 7 Olio di finocchio dolce: controindicazioni

Olio essenziale di finocchio: cosa è

Si tratta di un olio distillato in corrente di vapore dai frutti (ovvero i semi) della pianta di finocchio, il cui nome scientifico è Foeniculum vulgare.

Le principali caratteristiche dell’olio che se ne ricava sono legate alla sua azione rilassante sulla mente, ma anche alle qualità digestive tipiche del finocchio. Riduce anche i fastidi legati al ciclo mestruale e alla menopausa. Ha una nota aromatica dolce e anisata.

Scopriamo allora come si ottiene e si compone questo olio essenziale e come utilizzarlo al meglio.

Come si ottiene l’olio essenziale di finocchio

Si ottiene per distillazione in corrente di vapore dai semi di finocchio selvatico. Vengono utilizzati i frutti pressati, che sono in realtà la parte utilizzata della pianta, di colore verde chiaro, che sprigionano un gradevole profumo di anice.

In particolare, ci sono due varietà di olio, ricavate da sottospecie differenti:

  • olio essenziale di finocchio dolce che si estrae dalla distillazione dei frutti (erroneamente chiamati semi) del Foeniculum vulgare var. dulce, non irrita ed è preferito in aromaterapia e in profumeria perché non contiene la nota aspra del fencone. Si tratta del finocchietto da insalata.
  • olio essenziale di finocchio amaro che si estrae dalla distillazione dell’intera pianta di Foeniculum vulgare var. amara ha effetti terapeutici superiori al dolce, è più forte, ma causa sensibilizzazione e non può essere usato puro

 

La pianta di finocchio

La pianta è il Foeniculum vulgare che appartiene alla famiglia delle Apiacee. Si tratta di una pianta erbacea perenne alta fino a 1,5-2 m originaria del sud Europa, oggi molto comune e facile da trovare e da coltivare.

Nota con il nome di finocchio selvatico viene utilizzata oltre che per produrre l’olio essenziale, in cucina, per preparare tisane e per uso ornamentale.

Le sottospecie F. vulgare dulce e amara permettono la creazione delle due varietà di olio, dolce e amaro.

Esiste anche la sottospecie di Firenze, il Foeniculum vulgare sott. azoricum, più piccolo e di solito coltivato per il consumo alimentare, che non presenta fresco la molecola del fencone, che dona la caratteristica bnota acida all’olio essenziale.

Metodo di estrazione dell’olio di finocchio

Come per altri oli essenziali la tecnica per la sua produzione è la distillazione dai frutti in corrente di vapore, che si esegue lasciando nel distillatore acqua (nella proporzione 2,5 l per 1,78 kg di semi) e frutti. Ogni 500 gr di frutti si ottiene 10 ml di olio puro.

L’olio si presenterà di colore giallo paglierino e con una caratteristica profumazione che ricorda l’anice, tipica del finocchio. Va conservato in boccette di vetro scuro, lontano da fonti di calore e luce diretta.

Dove si compra l’olio essenziale di finocchio

L’olio distillato dei semi di finocchio si acquista in erboristeria, in farmacia oppure online.

Si trova facilmente e il consiglio è sempre quello di guardare l’INCI per poter comprare un prodotto 100% organico che non abbia altri componenti se non i frutti di finocchio biologico.

Il prezzo di questo olio varia dai 5 ai 13 euro.

Olio di finocchio dolce: composizione

L’olio essenziale contiene dei principi attivi molto importanti:finocchio 1

  • 65% di anetolo
  • 10% di pinene
  • 15% di estragolo
  • 5% di fecone
  • 16-20% di proteine
  • 0.1% circa di alfa-fellandrene
  • 0.4% mircene
  • 0.2% di gamma-terpinene – circa lo 0,2%.
  • 17% di acido petroselinico, oleico e linoleico, tocoferoli
    flavonoidi (puercetin-3-O-beta-glucuronide, isoquercitrina, rutina, quercetin-3-arabinoside)
  • umbelliferone
  • vitamine
  • minerali come calcio e potassio.

Ecco tutto ciò che contiene un olio puro di finocchio dolce. Ora scopriamo quali sono i benefici che apporta all’organismo.

Benefici dell’olio essenziale di finocchio

Vanta davvero tante proprietà, agendo sul corpo e sulla mente, come:

  • Digestivo e carminativo, svolge la sua principale attività sull’apparato gastro-intestinale, utile per il trattamento di problemi digestivi, gonfiori, eruttazioni, colon spastico, stipsi, meteorismo.
  • Coleretico, favorisce la produzione di bile
  • Diuretico, svolge azione decongestionante del sistema linfatico ed è indicato per massaggi drenanti diluito con olio di mandorle dolci o di oliva, per ostacolare la ritenzione idrica e la cellulite.
  • Espettorante, per liberarsi del catarro nei casi di sintomi di raffreddamento, tosse, asma. Utile anche per inalazioni e suffumigi contro le malattie da raffreddamento.
  • Emmenagogo, stimola cioè il flusso mestruale, riducendo il dolore del ciclo e i fastidi della menopausa. Quest’azione è dovuta alla presenza di fitosteroli. Ottimo il massaggio sul basso ventre.
  • Tonico del sistema nervoso centrale. Libera la mente e scaccia le negatività, facilita la comunicazione e rende fluido il pensiero.
  • Astringente, può essere utilizzato ad uso topico sulla pelle grassa per renderla più compatta e opaca.
  • Aumenta la circolazione cutanea donando luminosità alla pelle matura.
  • Attenua la tensione mammaria legata alla montata lattea, applicato con massaggio sulla zona
  • Favorisce la produzione di latte nelle puerpere e ne migliora il sapore.

Quando usare l‘olio essenziale di finocchio

Questo olio estratto dal finocchio, 100% naturale biologico, si usa nei casi di:

  • amenorrea, mestruazioni dolorose, menopausa e pre-menopausa
  • digestione lenta, spasmi addominali colite spastica, meteorismo; nausea
  • singhiozzo
  • asma, tosse e raffreddore
  • cellulite o ritenzione idrica
  • allattamento
  • pelli grasse o mature

Olio essenziale di finocchio: come si utilizza

L’olio essenziale di finocchio dolce può essere assunto per via orale o utilizzato per uso topico, per massaggi sul torace e sul ventre, ma può anche essere inalato in suffumigi senza alcuna controindicazione particolare.

Vediamo come utilizzarlo, sia per uso interno sia per uso esterno.

Uso interno dell’olio essenziale di finocchio

Assumere un olio essenziale per via orale è sempre un gesto che merita attenzione e buon senso, non vanno mai superate le dosi consigliate dal fitoterapeuta o erborista. Non assumere in gravidanza.

Si può assumere:

  • per disturbi digestivi: 1 goccia diluita in un cucchiaio di miele 2 volte al giorno, dopo i pasti o all’occorrenza.
  • per meteorismo e gas intestinali: 1 goccia con 1 cucchiaino di miele dopo i pasti.
  • in caso di singhiozzo: diluite 1 goccia di olio essenziale in 1 cucchiaio di miele, da sciogliere in bocca
  • contro il mal di gola: sciogliete 2 gocce in mezzo d’acqua e fate dei gargarismi
  • per favorire la montata lattea durante l’allattamento: 2 gocce di olio essenziale nel miele una o due volte al giorno
  • contro il mal di testa causato da disturbi intestinali, diluite 1 goccia dell’essenza in una tazza di tisana calda al finocchio.

Uso esterno dell’olio essenziale di finocchio

L’olio essenziale può essere assunto per via orale seguendo le prescrizioni dell’erborista oppure utilizzato per massaggiare l’addome.

L’olio di finocchio diffuso nell’aria

L’odore dolce e simile all’anice si diffonderà facilmente nell’aria rendendola più fresca. Ne bastano un paio di gocce nel diffusore o bruciatore per essenza o nella vasca da bagno. Il suo aroma:

  • stimola l’appetito
  • apre la mente
  • rilassa e calma
  • favorisce la concentrazione
  • allevia lo stress

Suffumigi con l’olio essenziale di finocchio

I suffumigi sono un antico rimedio ancora oggi molto utilizzato per contrastare il raffreddore e la tosse.

Basterà far bollire l’acqua a fuoco medio, toglierla dai fornelli e aggiungere poche gocce di olio essenziale di finocchio. Quindi procedere all’inalazione coprendo la testa con un asciugamano.

Massaggi con l’olio essenziale di finocchio

In caso di dolori e gonfiori gastrointestinali, massaggiare la zona interessata con 1-2 gocce di olio essenziale di finocchio diluite in un cucchiaio di olio di mandorle dolci.

  • come espettorante e in caso di tosse, massaggiatelo disciolto in un olio vettore, 1 goccia ogni 5, sulla zona del torace con per rimuovere il catarro nei bronchi.
  • per favorire la digestione, diluite 6 gocce di olio di finocchio in 1 cucchiaio di olio di mandorle dolci e massaggiate lo stomaco e il basso ventre fino a completo assorbimento.
  • per ridurre la ritenzione idrica massaggiate la zona da drenare con 2 cucchiai di olio di mandorle dolci e 8 gocce di olio essenziale di finocchio, per riattivare la circolazione, drenare e non irritare la pelle.
  • per favorire la circolazione e diminuire i dolori reumatici: sciogliete nell’acqua della vasca 12-15 gocce e restate immersi per 20 minuti.
  • per favorire la montata lattea massaggiare il seno, evitando l’area del capezzolo, con una miscela fatta da 1 cucchiaio di olio di mandorle dolci e 4 gocce di olio essenziale di finocchio, per 2 volte al giorno.

L’olio essenziale di finocchio in cosmetica

Forse non sapete che è uno dei più efficaci oli antirughe per pelli mature o grasse. Si consiglia di miscelarlo con un altro olio vegetale per aumentarne l’effetto. Ad esempio, in questo siero anti-age:

  • 50 ml di olio di albicocca(o altri oli cosmetici vegetali a scelta)
  • 5 gocce di olio essenziale di finocchio amaro

I fitormoni contenuti nel finocchio svolgeranno un’azione stimolante sulla pelle contrastando rughe, pelle opaca, pelle grassa.

Attenzione non applicare mai olio puro sulla pelle perché può essere irritante.

Olio di finocchio dolce: controindicazioni

L’olio detto di finocchio dolce è ben tollerato fatta eccezione per alcuni casi. Sconsigliato:

  • in gravidanza soprattutto come massaggio sul ventre
  • per via orale e nei bambini se non richiesto dal medico
  • in soggetti affetti da epilessia
  • in alte dosi perchè ha effetti narcotici
  • alle persone malate di cancro estrogeno-dipendente

L’olio di finocchio amaro invece, sebbene superiore dal punto di vista fitoterapico:

  • causa sensibilizzazione per cui è bene eseguire il test allergenico sul gomito almeno 48 ore prima di utilizzarlo
  • non va usato puro sulla pelle, ma sempre diluito con l’olio di mandorle in proporzione 1:3
  • non abusarne
  • evitare il contatto con gli occhi

https://www.tuttogreen.it/olio-essenziale-di-finocchio-proprieta/

Commenta (0 Commenti)