Archeologia e Culture Antiche

DEDALOMULTIMEDIA

Martedì, 27 Settembre 2022

1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 23 SETTEMBRE 3 OTTOBRE

 

Dopo due anni di fermo a causa del Covid, si è tornati a scavare nell'area archeologica di Sofiana, a Mazzarino (CL).1 1

Il sito venne alla luce agli inizi del '900, dopo il ritrovamento di una costruzione termale risalente al IV sec. a.C. e consta di resti di antichi insediamenti umani che vanno dal VII- VI sec. a.C. fino all’epoca Federiciana.

Le ricerche, condotte in regime di concessione di scavo, sono dirette dal Prof. Emanuele Vaccaro dell'Università di Trento in stretta collaborazione con il Parco Archeologico di Morgantina e della Villa Romana del Casale di Piazza Armerina, diretto da Liborio Calascibetta e con l'Università di Messina.

Il team di ricerca è composto da archeologi e studenti delle Università di Trento e di Messina, a cui si aggiungono i volontari del Gruppo Archeologico Litterio Villari di Piazza Armerina.

Nel corso di questa campagna, le indagini sono concentrate sullo scavo e sulla documentazione fotogrammetrica delle strutture e delle stratificazioni tardo-repubblicane e primo-imperiali relativamente ad un sacello individuato tra il 2018 e il 2019 all'interno dell'area demaniale del sito di Sofiana.

Successivamente, si approfondirà lo scavo di alcune evidenze di età ellenistica messe in luce in un saggio al di sotto del sacello che suggeriscono la lunga frequentazione dell'area, ben prima della fondazione dell'insediamento a carattere urbano di Sofiana, tradizionalmente ascritta all'età augustea.

La finalità del progetto – che ha carattere scientifico e didattico-formativo - prevede indagini sul campo che si accompagnano a quotidiane attività di laboratorio legate al processamento dei dati di scavo e allo studio dei materiali.

Il progetto che, proprio per la finalità didattica, ben si colloca tra le iniziative di valorizzazione e promozione del territorio favorite dell'assessorato regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, è finanziato dal Centro di Alti Studi Umanistici (CeASUm) dell'Università di Trento.

Sono tantissime, oltre 70, le missioni di scavo archeologico attive negli ultimi due anni in Sicilia, a testimonianza del grande lavoro svolto dall'assessorato regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, attraverso parchi archeologici e soprintendenze, in favore della ricerca e dello studio.

Commenti offerti da CComment