Oltre la disabilità
DEDALOMULTIMEDIA
21-02-19

Spesso, per fortuna, capita che la televisione mandi attraverso programmi o film, dei chiari e forti messaggi di vicinanza e interesse nei tv integrazioneconfronti della disabilità; per fare un esempio ho pensato di portare all’attenzione dei lettori i programmi tv che negli ultimi giorni sono stati trasmessi in tal senso e inizierei con il film “Quasi amici”. Il film racconta l’amicizia tra Driss e Philippe, due persone provenienti da contesti sociali differenti per nazione, colore di pelle e situazione economica. Driss è un ragazzo di colore che proviene dal Senegal da una famiglia povera, ma Driss è abile; di contro Philippe, un aristocratico signore benestante, ma tetraplegico a causa un incidente in parapendio. Nonostante queste differenze, fra i due nascerà un grande amicizia, Driss riuscirà ad andare Oltre la disabilita di Philippe, iniziandolo a guardare non come disabile ma come persona. Per chi non ha potuto vederlo, consiglio vivamente di porre rimedio perché la visione di questo film è un grande esempio di umanità e sentimenti puri.

A Tú Sí Que Vales abbiamo avuto l’onore di conoscere Marco Baruffaldi, un ragazzo Castelfranco Emilia con la sindrome di down; Marco a causa della sua condizione racconta di essere stato vittima di bullismo da parte dei suoi coetanei, ma questa triste storia non lo ha fatto abbattere ed è riuscito a trasformarla nel suo punto di forza, trasformando la sua rabbia in un messaggio positivo attraverso il libro “Siamo diversi tra noi”.

Ma i messaggi di integrazione di diversamente abili non sono ancora finiti, infatti, quest’ ultima trasmissione che vi sto per raccontare riguarda la maratona di New York 2018 andata in onda su Raisport e ha visto la partecipazione dei migliori atleti del mondo disabili e non. A parteciparvi più di 3000 atleti tra i quali alcuni atleti dell’ASD Sport insieme. L’ASD è un’associazione sportiva dilettantistica senza fini di lucro nata a Vimercate (provincia di Monza e della Brianza) con lo scopo di praticare e incrementare l’attività sportiva. Le attività di questa associazione non sono rivolte solo a persone normodotate ma anche a persone diversamente abili. Nel Seguire la maratona di New York 2018, durata due ore, è stato come assistere a uno sport diverso dal solito. Uno sport dove i partecipanti erano sia persone con disabilità che persone abili, tutte insieme verso un unico obiettivo. La maratona di New York, insieme con il film “Quasi Amici” e l’intervento di Marco a Tù Sì Que Vales, sono state strumento di riflessione per mettere in evidenza che “Oltre la disabilità” c’è la persona che può avere abilità diverse, doni diversi, risorse diverse. Tutte queste storie diverse tra loro hanno un unico messaggio da trasmettere vale a dire che non ci si deve mai fermare alle apparenze, si deve andare “Oltre”. Ognuno di noi ha delle Abilità che sono delle risorse per la società e non un problema da gestire o da controllare: la società ha la responsabilità di offrire i giusti strumenti e creare le giuste condizioni affinchè tutti i cittadini siano attivi e diano il proprio contributo per dare vita ad una società più giusta senza alcuna discriminazione.

Andrea Fornaia