Ultime

DEDALOMULTIMEDIA

Giovedì, 09 Febbraio 2023

 1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 7 16 FEBBRAIO

Bancarotta fraudolenta documentale e patrimoniale per distrazione, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e riciclaggio.Questi alcuni dei reati, per cui la procura della Repubblica di Catania  ha dato esecuzione con l'emissione di 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere. Le indagini condotte dai Finguardia di finanza 1anzieri di Catania, hanno accertato tramite attività investigativa, e intercettazioni, di appurare che due grosse società catanesi impegnate nel settore della raccolta rifiuti " Consorzio Ri.E.Co e cooperativa Pulisud, avrebero avuto passivi di circa 18 milioni di euro nei confronti dell'erario. Le indagini dei militari hanno accertato l’esistenza di molteplici atti distrattivi a danno delle due società cooperative, secondo il noto schema dello svuotamento delle aziende indebitate per consentire la prosecuzione delle attività tramite nuovi e non gravati soggetti giuridici, lasciando insoluti i debiti nel frattempo accumulati. Le due società nel tempo, sarebbbero state svuotate dei propri averi per trasferirli ad altre due società. Addirittura uno dei soci avrebbe utilizzato i fondi per i proprio impegni personali. Gli arrestati sono Filippo Santamaria, Angelo Lapiana, Gaetano Tagliarina, e Rosario Pruiti Ciarello.La Procura inoltre ha disposto il sequestro preventivo di 2 società ,operanti in Sicilia, Calabria, Puglia e Lombardia nel settore della raccolta dei rifiuti solidi urbani, nonché di un immobile, per un valore complessivo di 4,5 milioni di Euro.

Commenti offerti da CComment