Ultime

DEDALOMULTIMEDIA

Lunedì, 05 Dicembre 2022

1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 6 15 DICEMBRE 

"Impotenti,stordite,interdette.E'cosi'che certamente si sono sentite e continuano a sentirsi moltissime donne.Ad alcune,va anchestefania peggio.Tra loro,una parte e' sopravvissuta,un'altra non e' piu'con noi.Tra le vittime ci sono donne,cisgender,transessuali, lesbiche,eterosessuali,nere,bianche,asiatiche,ispaniche.Alcune di loro,come SamanAbbas, sono state uccise a causa dell'estremismo religioso. Altre,come Vanessa Scialfa,per l'ossessione del partner.Altre ancora perche' si concedevano,o perche'non lo facevano.Era stato detto loro che non potevano ribellarsi,che erano la parte debole che erano ininfluenti.
Purtroppo avevano ragione.Erano cosi'perche'non gli era consentito di essere altro".Lo ha detto in Aula alla Camera, la deputata dem Stefania Marino, intervenendo durante la discussione generale sulle mozioni per l'eliminazione della violenza contro le donne."Durante l'anno corrente -ha concluso Marino- in Italia, sono state 95 le donne vittime di omicidio volontario. Se vogliamo migliorare i nostri piani di intervento dobbiamo ascoltare le vittimel li'fuori. Il Pnrr rappresenta una grande occasione per intervenire sulle disuguaglianze e sul gendergap. Per la legislatura in corso proponiamo l'istituzione di una Commissione di inchiesta sul femminicidio, stavolta bicamerale, proprio per evidenziare l'importanza e la trasversalita' dell'azione che ha svolto,e che ancora deve svolgere,il Parlamento. Rivolgo un particolare invito a tutti gli uomini, a non dimenticare da dove proveniamo. A non dimenticare le nostre madri, le nostre sorelle,le nostre figlie.Voltarsi dall'altra parte,ci farebbe diventare complici",aggiunge

Commenti offerti da CComment