Ultime
DEDALOMULTIMEDIA
15-01-21
pesce simbolo cristiano3Gli oltre 20mila Testimoni di Geova in Sicilia continuano ad essere preoccupati per i circa 185mila loro confrati vittime di una persecuzione in Russia. Christian Di Blasio, portavoce dei Testimoni di Geova in Italia, ha commentato: "È scioccante constatare come, anche nel 2020, le autorità russe abbiano perseguitato – e, in molti casi, picchiato selvaggiamente – diversi pacifici testimoni di Geova colpevoli solo di professare, in casa propria, una religione ritenuta 'sbagliata'. Oltre 70 Testimoni sono stati imprigionati. Molte autorità e media russi stanno facendo credere all'opinione pubblica che il verdetto della Corte Suprema del 2017 che ha liquidato gli enti legali dei Testimoni autorizzi anche a perseguitare i singoli fedeli. In questo modo la Russia si sta prendendo gioco sia della legislazione internazionale sui diritti umani sia della propria Costituzione, la quale tutela la libertà religiosa. Tutti i principali organismi internazionali che si occupano di diritti umani stanno protestando contro questi continui abusi, che, come ha sottolineato l'USCIRF, sono spesso frutto della 'logica perversa della propaganda [dei gruppi] anti-sette', molto attivi in vari paesi inclusa l'Italia. Si spera che nel 2021 ai Testimoni di Geova sia nuovamente permesso di svolgere liberamente le proprie attività religiose in Russia così come avviene in oltre 200 altri paesi in tutto il mondo".
 

Al 31 dicembre 2020, i dati rilasciati (in Russia e in Crimea) risultano essere questi:

  • 188 azioni penali, che coinvolgono 147 fedeli, sono state intraprese nel 2020 (spesso ogni procedimento penale ha due o più imputati e alcuni fedeli che vengono perseguiti in più di un procedimento). Dal 2017, 428 testimoni di Geova sono stati incriminati in 60 regioni, territori, ecc.
  • 39 persone, tra uomini e donne, sono state condannate nel 2020 in base all'articolo 282.2 del Codice Penale della Federazione Russa (più del doppio rispetto alle 18 condanne comminate nel 2019)
  • 72 persone sono state incarcerate temporaneamente o in seguito alle condanne ricevute; 44 sono ancora dietro le sbarre (35 si trovano sotto custodia cautelare in strutture dedicate e 9 si trovano in carcere)
  • 477 abitazioni di testimoni di Geova hanno subìto irruzioni nel 2020 (per un totale di 1.274 da quando, nel 2017, il verdetto della Corte Suprema ha liquidato gli enti legali dei Testimoni).

 

(M)

Commenti   

0 #1 Angela Caputo 2021-01-10 13:51
E' un grave abuso, una indecente ingiustizia di cui nessuno parla.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Palermo - Attiva Sicilia: “Accordo sul disavanzo, lo Stato riconosca il gettito dell’Iva alla Sicilia”

Palermo - Attiva Sicilia: “Accordo sul disavanzo,  lo Stato riconosca il gettito dell’Iva alla Sicilia”

“Sull’accordo sul disavanzo della Regione c’è poco da esultare, perché siamo solo all’inizio di un percorso. L’intesa avrà senso solo...

Enna – In servizio i nuovi agenti della Polizia di Stato

Enna – In servizio i nuovi agenti della Polizia di Stato

  Questa mattina hanno preso servizio nuovi Agenti della Polizia di Stato presso la Questura di Enna, i Commissariati di P.S....

Enna – Mozione all’Ars per la ristrutturazione dell’ex Ciss

Enna – Mozione all’Ars per la ristrutturazione dell’ex Ciss

  I deputati autonomisti Roberto Di Mauro, Giuseppe Compagnone e Totò Lentini hanno presentato in Assemblea Regionale Siciliana una mozione per...

Troina (EN) – Sanzionato un commerciante per violazione delle norme sui giochi e anti-covid

Troina (EN) – Sanzionato un commerciante per violazione delle norme sui giochi e anti-covid

  Nella mattinata del 14 gennaio 2021 Agenti del Commissariato di P.S. di Nicosia hanno effettuato un controllo amministrativo all'interno di...