Ultime
DEDALOMULTIMEDIA
10-08-20

dunarea de jos 2020

“Palermo è al collasso”, sostiene Totò Lentini, deputato di Ora – Sicilia al Centro. “Il Covid e le “cricche” non possono più riparare orlando. Il sindaco si guardi allo specchio e si consideri un capitolo chiuso”, afferma sempre Lentini.

 

Dapprima sostenitore di “Alleanza per Palermo”, Totò Lentini si è detto profondamente deluso dal sindaco Orlando, sebbene avesse fatto parte della lista e, nondimeno, sebbene avesse più volte appoggiato l’operato del primo cittadino. Tuttavia, la questione Covid-19 e la successiva crisi economica e sociale, unite alla qu

Totò Lentini

estione delle “cricche” di cui Orlando parla spesso a denti stretti, hanno assestato diversi colpi – sempre a parere di Lentini – alla credibilità del mandato di Orlando. Il deputato, senza mezzi termini, rimprovera una sostanziale inerzia all’amministrazione, soprattutto in questi mesi di gestione dell’emergenza pandemica. “Ho chiesto – prosegue Lentini – interventi mirati nell’interesse della città. Interventi rimasti lettera morta. Il ponte di Corleone, la valorizzazione dei mercati storici, la bonifica dei quartieri. E ancora il sottopasso di Perpignano, dove abbiamo registrato quasi una decina di morti negli anni recenti. L’ultimo di questa serie si chiamava Agostino. Aveva 17 anni. Diciassette. Ecco, da quella stretta di mano il nulla: nessuna delle promesse che mi sono state fatte hanno visto, non dico un’accelerazione sostanziale, ma nemmeno l’accenno di un interesse spicciolo. Il nulla. Ed ecco perché il declino degli indici gradimento, nel rapporto tra le città e il suo sindaco, non è frutto del caso: è, piuttosto, un esercizio di realismo. Fino a raggiungere il punto più basso, in un 2020 che non potremo più cancellare: l’anno di una città svuotata dei suoi turisti, delle strade ridotte in condizioni inaccettabili, dei cadaveri non seppelliti, di un temporale estivo che produce morte”.

 

Ça va sans dire, ciò su cui preme soprattutto Lentini, a fronte di una sfiducia accumulata da Orlando, è ovviamente la dimissione del medesimo. “Il sindaco accetti l’idea che questa città ha trasformato la fiducia in sfiducia, l’amore che gli aveva riservato in diffidenza. Se quelli dietro cui il sindaco si ripara non sono alibi, ce lo dirà, a strettissimo giro, il futuro prossimo. E se invece nulla dovesse cambiare, accetti il sindaco di guardarsi allo specchio e considerarsi un capitolo chiuso della storia di questa città”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Enna - Chiusa la Monte Cantina

Enna - Chiusa la Monte Cantina

{jcomments off}A causa di un incendio lungo le pendici della Monte Cantina, è stata disposta la chiusura temporanea della strada...

Palermo – Lega: Migranti, tunisini scappati dal centro di accoglienza " stop alle fughe quotidiane"

Palermo – Lega: Migranti, tunisini scappati dal centro di accoglienza " stop alle fughe quotidiane"

"Con i tunisini scappati stamane dal centro di accoglienza di Isnello, in provincia di Palermo, si ingrossa ancora di più...

Palermo - Ora – Sicilia al Centro: "Salvaguardare i posti di lavoro"

Palermo - Ora – Sicilia al Centro: "Salvaguardare i posti di lavoro"

"Gli effetti della crisi connessi alla pandemia rischiano di mettere definitivamente in ginocchio il già fragile sistema delle imprese in...

Enna – Migranti: Cardaci “ E’ assolutamente prioritario il completo svuotamento del centro”

Enna – Migranti: Cardaci “ E’ assolutamente prioritario il completo svuotamento del centro”

  {jcomments off}“Cosa è successo è tutto da capire e va capito: erano negativi e si sono infettati dopo? Erano positivi...