“L’accordo siglato oggi tra la Regione Siciliana e le organizzazioni sindacali sul bonus per gli operatorilavoratori sanità
del settore sanitario, da mesi in prima linea nell’emergenza Covid-19, rappresenta un piccolo riconoscimento dello straordinario lavoro che è stato compiuto, spesso in condizioni difficilissime. Nei prossimi mesi i lavoratori riceveranno il bonus in busta paga, secondo una distinzione per tre fasce, per un totale di 36 milioni di euro. Sono tante però le questioni che rimangono aperte e per le quali va trovata
una soluzione, in primis quelle che riguardano i lavoratori Seus 118 e della sanità privata che hanno contribuito alla gestione ottimale dell’emergenza Covid in Sicilia. Siamo certi che la Regione non dimenticherà il loro grande sforzo”. Lo dicono Nicola Scaglione e Giuseppe Badagliacca del Csa-Cisal.