Ultime
DEDALOMULTIMEDIA
28-05-20

dunarea de jos 2020

"Ci dissociamo certamente dalla inopportuna e sconcertante richiesta, avanzata da alcuni deputati regionali, di portare in borrometicommissione Antimafia il caso Borrometi e addirittura chiedere verifiche sulla tutela per il giornalista". Lo dicono i deputati regionali del Movimento 5 Stelle. "L'attività di Borrometi, al quale va ogni nostra solidarietà, è indiscutibile - aggiungono in particolare i componenti M5S della commissione Antimafia, Antonio De Luca e Roberta Schillaci - e siamo fermamente convinti che chi si distingue nella lotta alla mafia non vada mai lasciato solo. Invece sono troppe le storie di chi viene infangato o isolato e non vorremmo si iniziasse così un'azione per seminare dubbi e delegittimare l'opera di Borrometi. Resta infine inaccettabile la leggerezza di quei deputati che prima hanno firmato e poi hanno disconosciuto l'iniziativa, come a voler nascondere la mano". 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Roma – coronavirus: proposte delle associazioni per la tutela dei pazienti oncologici e onco-ematologici

Roma – coronavirus: proposte delle associazioni per la tutela dei pazienti oncologici e onco-ematologici

 Le 30 Associazioni di pazienti oncologici e onco-ematologici del progetto "La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere" hanno sottoposto all'attenzione...

Scicli (Ragusa) - ConfeserFidi: le imprese chiedono tassi più bassi

Scicli (Ragusa) - ConfeserFidi: le imprese chiedono tassi più bassi

Il consorzio fidi ConfeserFidi ha ricevuto da alcune  centinaia di aziende italiane la richiesta di accesso alla procedura de materializzata...

Palermo – Lega: Disegno di legge per Banca del Plasma

Palermo – Lega: Disegno di legge per Banca del Plasma

Il capogruppo regionale leghista Antonio Catalfamo ha presentato un Disegno di legge per l'istituzione di una Banca del plasma anti-Covid. "Siamo...

Enna – Operazione "INSIDE" della Guardia di Finanza: 36 imprenditori percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza

Enna – Operazione "INSIDE" della Guardia di Finanza: 36 imprenditori percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza

Si dichiaravano indigenti mentre in realtà percepivano provvidenze comunitarie previste dalla politica agricola comune quali imprenditori agricoli per decine di...