Ultime

DEDALOMULTIMEDIA

Martedì, 27 Febbraio 2024

 1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 27 FEBBRAIO 7 MARZO

Banner Dedalo 1000X200


 

Il Gruppo Tigano annuncia l'apertura imminente di "Resilienza", la prima struttura terapeutico-riabilitativa di doppia diagnosi in Sicilia.struttura residenziale RESILIENZA Questo percorso di ricovero sarà dedicato ai pazienti affetti non solo da dipendenze patologiche come droghe, alcol e gioco, ma anche da disturbi psichiatrici in comorbilità. La struttura, situata a Leonforte, provincia di Enna, opererà in collaborazione con altre strutture specializzate del Gruppo Tigano, come Villa Maria, dedicata alle demenze senili e alla geriatria.

La dirigente del Gruppo Tigano, Elena Baccio, sottolinea l'importanza di colmare una grave carenza territoriale a livello regionale e affrontare la complessità della comorbilità con un nuovo modello d'intervento. La comorbilità, che integra disturbi diversi, richiede un trattamento integrato multi-step e la collaborazione tra diversi professionisti. Il Gruppo Tigano, con la sua esperienza nella riabilitazione psichiatrica, propone una strategia operativa innovativa che considera entrambi i disturbi come primari, affrontandoli in un trattamento coordinato.

La struttura "Resilienza" ha ottenuto l'accreditamento regionale per svolgere attività terapeutico-riabilitative in doppia diagnosi, con una dotazione di 20 posti letto. Questa struttura accoglierà assistiti provenienti da tutta la regione, in collaborazione con i Dipartimenti di Salute mentale e i Sert delle Asp provinciali. La dottoressa Baccio spiega che mancano solo gli ultimi passaggi burocratici con l'Asp di Enna per completare l'iter e aprire la residenza in Doppia Diagnosi con un'area di degenza specialistica a trattamento intensivo.

Intanto è stato avviato il reclutamento del personale necessario, tra cui educatori, psicoterapeuti, psicologi, assistenti sociali e Trp, per costituire una rete di laboratori in sinergia con cooperative e associazioni esterne. L'obiettivo è il completo reinserimento dei pazienti nel tessuto sociale. Inoltre, è previsto un patto con i residenti che si occuperanno della gestione della struttura in tutti gli aspetti, dalla preparazione dei pasti alla manutenzione degli impianti.

Commenti offerti da CComment