Riceviamo e Pubblichiamo

DEDALOMULTIMEDIA

Lunedì, 05 Dicembre 2022

1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 6 15 DICEMBRE 

“Adesso basta”. È questo il grido d’allarme dell’Associazione Don Bosco 2000 sulla vicenda delle ONG che da settimane ormai ècure a migranti protagonista del dibattito politico italiano. Don Bosco 2000 esprime piena solidarietà alle ONG che in questo momento sono impegnate a salvare vite nel Mediterraneo.

Troviamo assurdo che la politica italiana si sia concentrata sulle ONG. Sono organizzazioni che salvano vite nel Mediterraneo e come tali non possono e non devono essere demonizzate bensì sostenute e rispettate nel ruolo attivo che svolgono a sostegno del prossimo, senza distinzione di etnia o nazionalità.

Chiediamo con forza a questo governo che il tema dell’immigrazione venga affrontato, gestito e controllato al di fuori della sterile propaganda politica da salotto televisivo. Da un lato si parla di rafforzare l’intervento degli stati europei in Africa e dall’altro i fondi investiti per la cooperazione internazionale in Africa sono al minimo storico. La migrazione è un fenomeno non emergenziale.

I migranti ci sono stati, ci sono e ci saranno ancora di più nei prossimi anni in cui il continente Africano si impoverirà sempre di più grazie alle politiche dei paesi ricchi che continuano a depredare le materie prime dei paesi poveri, come avviene con il cobalto o con l’uranio.

Occorre aumentare i fondi per la cooperazione e organizzare formazione pre-partenza a coloro i quali vogliono emigrare in Europa e, contemporaneamente, gestire una politica serena dei flussi. L’Europa ha bisogno dell’Africa per colmare la mancanza di mano d’opera in molti comparti dell’economia e l’Africa ha bisogno dell’Europa per crescere e svilupparsi.

Operiamo affinché le migrazioni non siano più un fenomeno divisivo, bensì inclusivo tra i popoli, come Don Bosco 2000 sta facendo da anni attraverso i corridoi culturali e i progetti di cooperazione circolare. Lunedì prossimo, partirò per visitare le nostre sedi in Senegal e Gambia dove concretamente operiamo insieme ai potenziali migranti per ridurre la povertà e creare attività generatrici di reddito. Prendiamo coscienza della ricchezza che viene da chi è straniero e abbandoniamo l’anacronistico tentativo di chiudere i confini.

Agostino Sella  presidente Associazione Don Bosco 2000

Commenti offerti da CComment