Salve,

Siamo una coppia con a seguito una bambina di 9 anni C.O. e L.D e C.G., metto le iniziali per non creare panico, residenti nel comune capoluogo. Invariante pergusa una domenica quella di ieri 11 settembre, decidiamo di trascorrere brevemente una passeggiata libera dentro l’autodromo; la nostra bimba con la propria bici, in una domenica dove la gente dovrebbe rilassarsi e vivere senza agonismo bieco e di malcostume, viene investita da un tale con bici elettrica nel tornante della pinetina, letteralmente "volava" a forte velocità accentuata dal fatto che basta leggermente toccare i pedali per raggiungere velocità molto alta, la mia bimba si è ritrovata miracolosamente illesa ma dolorante nelle parti intime per via del manubrio della propria bici che le ha arrecato non pochi dolori.

Il tizio di un età di 50 anni, letteralmente impattava sul selciato...con tutte le conseguenze che la velocità può cagionare...;.le persone che erano presenti si sono prontamente allarmate, ma abbiamo scongiurato quel che poteva avvenire di lì a poco con bimbi di 4 anni, anziano, o semplicemente famiglie come la nostra dove l’agonismo bieco c'entra poco con la Domenica di passeggio.

Mi chiedo se si può mettere apposita cartellonistica e maggiore controllo previo volontari  vietando ingresso a bici da corsa e pseudo ciclisti che in una giornata come la Domenica si è evitato ciò che poteva trasformarsi in problemi ben più maggiori.

Grazie Redazione Dedalo.

L.D e C.G.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.