Riceviamo e Pubblichiamo

DEDALOMULTIMEDIA

Martedì, 27 Febbraio 2024

 1000X200px SUPERSTORE IPERSTORE 27 FEBBRAIO 7 MARZO

Banner Dedalo 1000X200


 

Anche oggi domenica 26 novembre, con un freddo cane, il Castello di Lombardia è meta di turisti. Ad accoglierli laEuno statua di Euno, lo schiavo ribelle che nel tempo è diventato l'emblema della città. Una città, però, che lo ha eletto a suo simbolo ma che non lo custodisce né lo valorizza.

Basta dare un'occhiata da vicino alla statua e notare che ancora sono evidentissimi gli effetti dell'attacco vandalico che subì circa cinque anni fa. E come se Roma mantenesse e proponesse ai suoi visitatori la sua lupa sfregiata o Catania il suo “liotru” deturpato. È semplicemente indecoroso per una città che punta sul turismo culturale per la sua rinascita.

Sono piccole criticità che però vanno risolte con immediatezza senza attendere i grandi progetti. Chi arriva ad Enna vuole prima di tutto trovare lo stato dei monumenti gestiti quanto meno nella normalità se poi il tutto è sostenuto da grandi progetti e da grandi realizzazioni meglio ancora.

Per la verità questo sconcio fu indicato all'amministrazione oltre tre anni fa e in quell'occasione venne assicurato che un intervento ci sarebbe stato coinvolgendo, prima di tutto, l'Istituto d'Arte, la scuola che realizzò nel 1960 la statua di EunoEuno particolare e che vedeva a capo dell'equipe realizzativa Pietro Marzilla. Evidentemente le cose non sono andate come invece erano state anticipate ma oggi c'è la voglia di riparare al danno? “La voglia c'è e tanta anche – assicura l'assessore comunale al Turismo Walter Cardaci -. Domani stesso mi rivolgerò al nostro Ufficio Tecnico per avere una valutazione del danno. In seguito prenderò contatti con l'ex Istituto d'Arte per coinvorgerlo nell'operazione di restauro.”

L'assessore sembra deciso a ridare dignità ad una fra le statue più visitate e fotografate della città. Adesso c'è da attendere fiduciosi e vigili aspettando che questo e mille altri piccoli interventi fioriscono affinchè in primavera, quando il flusso turistico diventerà ancora più corposo, la città abbia le sembianze di un salotto. 

Paolo Di Marco

Commenti offerti da CComment