Proteste.doc.com.it
DEDALOMULTIMEDIA
26-04-19

dunarea 2019 2020

Ci ritroviamo nuovamente a parlare di strade e questa volta la situazione si presenta decisamente grave. Nello specifico stiamo parlandosp81bis della SP/81 e SP/81 bis, notoriamente conosciuta come la “Strada di Papardura”, un tratto che interessa circa 3000 persone residenti nella zona e che giornalmente, oltre ai residenti, viene utilizzata dagli scuolabus, dagli automobilisti provenienti da Caltanissetta che, per non arrivare ad Enna Bassa e poi recarsi ad Enna Alta, preferiscono “tagliare” per la strada in questione raggiungendo rapidamente la zona Monte. Le foto allegate all’articolo sono già molto eloquenti: si nota chiaramente un manto stradale martoriato, a tratti inesistente , buche, totale mancanza di tracciabilità del deflusso delle acque che provoca, come è noto a tutti, l’insidioso fenomeno dell’aquaplanning causa di numerosi incidenti gravi,  profondi avvallamenti che si riempiono di acqua e fango che causano non poche difficoltà agli automobilisti e agli automezzi delle attività commerciali presenti lungo quel tratto. Svariate sono state le segnalazioni dei cittadini a causa anche di numerosi incidenti stradali che nel corso del tempo si sono verificati in quella strada “dimenticata” e chi non ricorderà la morte di un cittadino l’anno scorso a seguito di un incidente. Insomma, la situazione è più grave di quanto si pensi e sorprende e stupisce che non si sia ancora provveduto a porre rimedio nonostante le numerose segnalazioni; e per rimedio non intendiamo certo quello di posizionare segnaletica per allertare gli automobilisti a guidare con attenzione e prudenza. A tal proposito i residenti della zona hanno depositato una diffida al commissario della ex provincia regionale in cui, oltre ad elencare le innumerevoli difficoltà di chi questa strada la vive giornalmente, chiedono “vista l’insostenibilità della situazione, sia per i residenti, i proprietari delle attività commerciali e i conducenti automobilistici, che soventemente rischiano incidenti e danni ingenti e onerosi alle automobili, un intervento immediato allo scopo di fare la dovuta manutenzione per rendere praticabile la strada”.

E noi siamo qui nuovamente a domandarci: ma è mai possibile che bisogna arrivare a questo stato di degrado totale prima di interveniresp81 (sempre che la ex provincia decida di farlo)? Che senso ha portare ad uno stato così disastroso un manto stradale rischiando così incidenti, ricorsi da parte degli automobilisti che subiscono danni alle loro macchine, scontento generale ed un senso di frustrazione e di abbandono? Non ha un costo maggiore sistemare una strada ridotta all’osso, piuttosto che attivare le dovute manutenzioni a scadenze regolari? Qual è il guadagno della ex provincia quando si ritrova a pagare per le innumerevoli richieste di risarcimento danni? Come si fa a dormire serenamente quando, si nota chiaramente nella foto, un versante della strada rischia di franare da un momento all’altro, con il rischio tangibile che qualcuno si faccia seriamente male e che il tratto venga chiuso al transito?

Potremmo essere tentati di pensare che la ex provincia voglia dare vita ad un percorso ad ostacoli, ad una sorta di slalom per gli automobilisti più avventurosi, ma oggi non ci va proprio di scherzare ed ironizzare perchè il problema è serio e merita di essere affrontato seriamente. Dal canto nostro continueremo a tenere sott’occhio questa problematica facendoci portavoce di quelle migliaia di persone, residenti e non, che ogni rischiano nell’affrontare queste strade. In attesa che il Libero Consorzio Comunale di Enna o Ex Provincia che dir si voglia attui tutte le azioni necessarie per scongiurare eventuali tragedie, noi ci auguriamo non doverle mai pubblicare nel nostro giornale.

Manuela Acqua

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Per tutti quelli che…pensavano fosse un semaforo

Per tutti quelli che…pensavano fosse un semaforo

Monte Cantina, semaforo storto! Noooo! Dopo una lunga indagine, condotta nei meandri delle stanze del potere, ma anche sui pianerottoli...

Strisce blu anche per gli studenti di Psicologia

 Strisce blu anche per gli studenti di Psicologia

  La voglia di blu è sempre più forte dentro Palazzo di città. E questa volta il colore del cielo limpido,...

Dalle critiche alle esagerazioni, per un semplice semaforo!

Dalle critiche alle esagerazioni, per un semplice semaforo!

E' bastato un semplice semaforo per passare dalle critiche alle esagerazioni. Gli ultimi giorni ennesi sono stati caratterizzati da un...

E se i bus navetta gratuiti partissero anche da Enna Bassa?

E se i bus navetta gratuiti partissero anche da Enna Bassa?

La rivoluzione del traffico e dei parcheggi nella città di Enna continua con l’installazione di nuove macchinette per il parcheggio,...