Proteste.doc.com.it
DEDALOMULTIMEDIA
26-04-19

dunarea 2019 2020

La rivoluzione del traffico e dei parcheggi nella città di Enna continua con l’installazione di nuove macchinette per il parcheggio, dislocateparcheggio via resistenza in più punti della città, e con una intensificazione dell’utilizzo delle navette gratuite che dalla zona Pisciotto accompagnano i passeggeri in centro città. Avevamo già accennato che l’Assessore Scillia ha intenzione di ampliare l’area parcheggi al Pisciotto per invogliare sempre più persone a non arrivare in centro in macchina, ma comodamente accompagnati dalla navetta. Ma noi vorremmo che si andasse oltre e oggi siamo qui ad ipotizzare un possibile servizio navetta gratuito che parta anche da Enna Bassa. No, non siamo impazziti, cerchiamo di guardare oltre e di provare ad immaginare il centro città sempre più libero dalle macchine e a totale disposizione del cittadino. Un’idea potrebbe essere istituire un punto bus navetta in Via Resistenza ad Enna bassa cioè, per intenderci, lo spiazzale dove il martedì mattina tutti parcheggiano per recarsi al mercato settimanale. Questo significherebbe disincentivare ancora di più l’utilizzo dell’automobile con una conseguente diminuzione del traffico anche negli orari di punta. Utopia? Noi pensiamo di no. Certo, inizialmente potrebbero crearsi problemi che man mano andrebbero risolti e, col tempo, siamo certi che anche i cittadini più restii inizierebbero ad abbracciare queste novità. Il tutto, tra l’altro, limiterebbe ancora di più l’utilizzo dei parcheggi in centro, a pagamento e non, e consentirebbe quindi ai residenti di trovare posto per la loro auto con ancora più facilità. Sarebbe bello riscoprire una nuova Enna, libera dalle macchine e con un centro cittadino che rinasce, sempre a patto che si provveda ad attuare politiche per il commercio che, è inutile negarlo, sta pian piano morendo nella parte alta della città. Siamo certi che l’Assessore ha ancora tutto il tempo per portare a termine la sua rivoluzione del traffico, iniziando a pensare anche a come aiutare i commercianti e invogliando all’apertura di nuove attività.

Certo, perché tutto ciò avvenga è necessario che venga limitata la tendenza che ormai ha preso piede della multa selvaggia a tutti i costi dei vigili urbani, così come da disposizione del comandante, e men che meno l'uso a volte sconsiderato del carro attrezzi che preleva le auto in sosta e le porta in deposito: le auto, se le nostre notizie sono esatte, possono essere riprese dietro pagamento di circa 100 euro. Quello che servirebbe è più persuasione e meno repressione altrimenti la città alta è destinata ad una desertificazione crescente. In questo senso occorrerà che l'amministrazione lavori in direzione del ripopolamento della parte alta favorendo l'apertura di nuove attività.

Manuela Acqua

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Per tutti quelli che…pensavano fosse un semaforo

Per tutti quelli che…pensavano fosse un semaforo

Monte Cantina, semaforo storto! Noooo! Dopo una lunga indagine, condotta nei meandri delle stanze del potere, ma anche sui pianerottoli...

Strisce blu anche per gli studenti di Psicologia

 Strisce blu anche per gli studenti di Psicologia

  La voglia di blu è sempre più forte dentro Palazzo di città. E questa volta il colore del cielo limpido,...

Dalle critiche alle esagerazioni, per un semplice semaforo!

Dalle critiche alle esagerazioni, per un semplice semaforo!

E' bastato un semplice semaforo per passare dalle critiche alle esagerazioni. Gli ultimi giorni ennesi sono stati caratterizzati da un...

E se i bus navetta gratuiti partissero anche da Enna Bassa?

E se i bus navetta gratuiti partissero anche da Enna Bassa?

La rivoluzione del traffico e dei parcheggi nella città di Enna continua con l’installazione di nuove macchinette per il parcheggio,...