Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
24-03-19

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti dei Diritti Umani in occasione di queste festività natalizie augura a tutto il mondo scolastico un periodo di banca del libroriposo e all’insegna della solidarietà sociale.

A seguito delle notizie relative all’economia e in particolare con il diffondersi di deboli ma diffuse voci di un ritorno della crisi economica nei prossimi mesi sarà sempre più faticoso da parte delle famiglie mantenere gli studi dei propri figli.

Il problema principale riguarda il costo dei libri di testo che se, da un lato devono essere sempre aggiornati e multimediali, dall’altro costringono le case editrici a sostenere maggiori costi che determinano un aumento, fortunatamente, meno che proporzionale del prezzo di copertina. Pertanto è doveroso che lo Stato tuteli l’articolo 34 della Costituzione Italiana, il quale ai commi 3 e 4, afferma il diritto dei capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi economici, di raggiungere i livelli più alti degli studi e quindi il dovere della Repubblica di rendere effettivo questo diritto attraverso, borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze da attribuire mediante concorso.

Dobbiamo precisare che il diritto allo studio riguarda il percorso scolastico successivo all'obbligo e quello universitario, che liberamente ciascuno può conseguire. Il dovere della Repubblica (l’insieme delle istituzioni pubbliche) è di garantire a coloro, che si dimostrano capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi economici, di raggiungere i gradi più elevati di istruzione, mettendo a loro disposizione ogni risorsa possibile, come per esempio le borse di studio.

A tal proposito il CNDDU vuole proporre un progetto di solidarietà concreta in prossimità di queste feste da intraprendere nei comuni italiani, luogo decentrato dello Stato centrale più vicino ai cittadini, per promuovere una “Banca del libro” dove tutti gli studenti delle medie inferiori e superiori meno abbienti possono recarsi per prendere in comodato d’uso gratuito i testi scolastici che spesso finiscono in scatole accatastate nei garage o nelle soffitte, perdendo la loro funzione principale di divulgazione della cultura e del sapere.

Inoltre volevamo proporre questo servizio anche per i testi universitari, per agevolare gli studenti e le famiglie che spesso si trovano a dover far fronte ai costi di vitto ed alloggio al di fuori della città o della regione di residenza, non sempre a buon mercato, cercando di offrire un’alternativa più ampia ai testi a disposizione nelle biblioteche universitarie.

Il modello che proponiamo è già attivo in qualche comune su iniziative di alcune regioni come per esempio il Friuli Venezia Giulia, la Puglia e la Toscana.

Auspichiamo che questo progetto prenda campo in tutto il territorio nazionale e al contempo speriamo che ogni docente precario e non possa nel 2019 realizzare le proprie aspirazioni professionale, in particolare le nuove immissioni in ruolo e il trasferimento nelle proprie sedi di residenza.

Prof. Ronny Donzelli

Resp. Rapporti Istituzionali CNDDU   

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

La droga nei centri di accoglienza

La droga nei centri di accoglienza

  La catena di eventi che si stanno susseguendo nella provincia di Enna comincia ad assumere un aspetto preoccupante. Enna, Barrafranca...

Situazione drammatica all'ospedale di Leonforte

Situazione drammatica all'ospedale di Leonforte

  Personale sanitario in trincea e fortemente stressato. Si chiede al direttore generale Iudica di applicare urgentemente e fedelmente quanto previsto...

Forum siciliano movimenti Acqua e Beni Comuni: ripristino della CommissioneTecnica per la verifica degli adempimenti del gestore idrico

Forum siciliano movimenti Acqua e Beni Comuni: ripristino della CommissioneTecnica per la verifica degli adempimenti del gestore idrico

  Ci si domanda se è ammissibile che solo una soggettività che è espressione della società civile come il Forum siciliano...

Sul Don Leo Vetri si consuma lo strappo tra maggioranza e opposizione

Sul Don Leo Vetri si consuma lo strappo tra maggioranza e opposizione

  La conferenza dei capigruppo convocata ieri con all’ODG l’audizione del direttivo del centro anziani “Don Leo Vetri” ha registrato l’ennesimo...