Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
21-02-19

 

Con Ordinanza n.26 del Commissario della ex Provincia di Enna, ieri è stata disposta la chiusura della sp 7/a, la strada adriano licatache da Pirato porta all'imbocco autostradale di Mulinello.

L'ordinanza spiega a chiare lettere come la Provincia stia ricevendo continue richieste di risarcimento del danno a causa di danni subiti dalle vetture per via di deformazioni e buche presenti sul manto della strada in questione.

E il Libero Consorzio di Enna, anziché prevedere tempi e modi utili al ripristino di questa strada devastata di cui è custode e responsabile, cosa fa? La chiude sine die in maniera pilatesca, fino a quando non verranno eseguiti i lavori di messa in sicurezza. Campa cavallo! Così come del resto aveva già fatto nel Marzo scorso con il tratto della medesima strada che va dal km 6 al km 12.

Alla Provincia si rendono conto del danno – non solo economico – che questa scelta provocherà nei confronti dei cittadini, leonfortesi e non,  che per motivi di lavoro ogni giorno raggiungono attraverso questa via l'autostrada e che in tal modo saranno costretti ad utilizzare lo svincolo autostradale di Enna (un percorso di circa 50 km in più tra a/r e di un'ora in più di tempo impiegato)? Chi paga tutto questo? E come faranno i lavoratori a raggiungere la zona industriale di Dittaino visto che anche le altre strade provinciali sono chiuse al transito? Ci si aspetta per caso che gli automobilisti transitino comunque, non appena il primo che passa rimuove la transenna? Tanto la Provincia è sollevata da ogni responsabilità  per danni subiti da cose e persone!

Intervengano immediatamente le istituzioni. Si traducano in fatti concreti le belle parole. L'8 Novembre u.s. anche il Sindaco di Leonforte Barbera ha partecipato al vertice regionale indetto dall'Assessore alle Infrastrutture Falcone. La Regione ha parlato di uno stanziamento di 50 milioni di euro, di cui 20 già esecutivi, per la viabilità della Provincia di Enna.

Come verranno spesi? Entro quando?  

La popolazione ha il diritto di sapere e di ribellarsi all'ennesima umiliazione subita da questo territorio abitato da cittadini e non da bestiame.

Adriano Licata, coordinatore provinciale Movimento Giovanile della Sinistra

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Sanità – Intersindacale: Qualcosa sta cambiando con la nuova Rete Ospedaliera

Sanità – Intersindacale: Qualcosa sta cambiando con la nuova Rete Ospedaliera

  Le scriventi OO.SS. Provinciali di Enna FP Cgil, Cisl Fp, Fials, Fsi, Nursind e Ugl, in ordine alla proposta di...

Giornata internazionale della giustizia sociale: resta ancora molto da fare

  Giornata internazionale della giustizia sociale: resta ancora molto da fare

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti umani, in occasione del 20 febbraio, Giornata internazionale della giustizia sociale, istituita...

La calda griglia delle elezioni comunali ad Enna

La calda griglia delle elezioni comunali ad Enna

  Manca poco più di un anno al rinnovo dell'amministrazione comunale e uno strano silenzio politico pervade l'intera città. È un...

Gestione Rifiuti – CGIL “il sindacato non è disponibile ad accettare ricatti morali”

Gestione Rifiuti – CGIL “il sindacato non è disponibile ad accettare ricatti morali”

In risposta agli attacchi, talvolta personali, subiti dal Segretario Generale Funzione Pubblica CGIL anche a mezzo stampa nelle ultime ore,...