Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
08-03-21

Venerdì prossimo 15 Gennaio, è stata indetta una manifestazione di disobbedienza civile con la quale i promotori hanno chiesto ai ioapropubblici esercizi di allungare l’orario di apertura ben oltre le ore 18, ammettendo all’interno delle strutture i clienti, seppur con l’adozione di criteri di distanziamento e di sicurezza.

Tale protesta contravviene ai provvedimenti straordinari emanati dal Governo per far fronte alla diffusione del contagio da Covid19 ed espone gli esercenti e i loro clienti a pesanti sanzioni pecuniarie, salvo più gravi contestazioni che dovessero intervenire nel corso di accessi ispettivi delle forze dell’ordine.

Siamo consapevoli e partecipi dello stato di grave difficoltà che la categoria sta attraversando; abbiamo rappresentato al Governo la tragedia vissuta da migliaia di operatori e non smettiamo di richiamare l’attenzione, a tutti i livelli, sulla necessità di dare pieno supporto alle imprese, erogando congrui ristori, accelerando le procedure per la liquidazione della cassa integrazione, introducendo attenuazioni del regime fiscale e dilazioni dei costi fissi, sopportati in questo momento dalle nostre imprese, costrette a subire le limitazioni imposte dal governo.

Abbiamo attivato tutti i nostri uffici in questa direzione a supporto degli imprenditori, per facilitare l’attivazione delle misure già messe in campo e ne sollecitiamo di nuove e più incisive.

Tuttavia, non abbiamo aderito all’iniziativa di protesta civile, perché abbiamo ben presente che gli effetti repressivi, necessariamente messi in campo dalle forze di Polizia, potrebbero aggravare enormemente l’attuale condizione di disagio, lasciando reliquati insostenibili per la generalità delle imprese e che finirebbero con il coinvolgere anche la clientela, che potrebbe essere identificata e multata al pari dei titolari di licenza.

Facciamo appello, pertanto, a tutti i nostri iscritti perché tale apertura, oltre gli orari consentiti, non sia messa in atto, pregiudicando quanto è stato ottenuto sinora e facendo passare dalla parte del torto gli imprenditori che intendono sfidare lo Stato, infrangendo le prescrizioni alle quali siamo stati obbligatoriamente assoggettati.

Purtroppo, l’epidemia continua a colpire la popolazione del nostro territorio. I dati sono tali da far temere a ore l’inasprimento delle misure, con l’adozione della “zona rossa” per l’intera Sicilia.

Il Governo, pur nell’attuale condizione di crisi, generatasi all’interno della maggioranza che lo sostiene, ha assicurato l’adozione dello scostamento di bilancio che consentirà la copertura del nuovo decreto ristori.

Siate prudenti, il messaggio di esasperazione della categoria è già arrivato a Palermo e a Roma. Abbiamo chiesto che la campagna di vaccinazione prosegua a tappe forzate, a partire dalla popolazione anziana che è la più esposta alle conseguenze del Covid. Su questo stiamo esercitando pressioni perché non ci siano ritardi ed esitazioni.

Restiamo uniti, nel rispetto delle regole e della legalità. Il Sindacato è al vostro fianco per condurre ancora una volta un’azione di rivendicazione dei nostri diritti, nell’ambito della legalità e della sicurezza di tutti.

Raccomandiamo ai nostri colleghi la prudenza e di non cadere nella facile tentazione di mettere in atto manifestazioni inutili e dannose. Con questo appello i vertici Confcommercio e Fipe di Caltanissetta ed Enna si sono rivolti ai titolari di bar e ristoranti ribadendo il sostegno del sindacato per arginare le gravissime difficoltà legate alla pandemia, ma senza che si possa infrangere la legge con il rischio concreto di aggravare la situazione.

Bisogna chiedere con sempre maggiore forza allo Stato interventi di sostegno alla categoria, ma non possiamo farci prendere dalla facile tentazione di scadere in azioni di disobbedienza che non porteranno alcun beneficio. Naturalmente le forze dell’ordine saranno obbligate a far rispettare le regole e noi non possiamo permettere che imprenditori e clienti vengano colpiti anche da sanzioni e segnalazioni.

Il nostro invito è alla prudenza e a non mettere in atto alcuna forma di protesta.

Abbiamo avuto la forza e il coraggio di resistere in questo lungo anno funestato dalla pandemia e da una crisi senza precedenti. Concentriamoci piuttosto a richiamare l’attenzione, a tutti i livelli, sulla necessità di dare pieno supporto alle imprese, erogando congrui ristori, accelerando le procedure per la liquidazione della cassa integrazione, introducendo attenuazioni del regime fiscale e dilazioni dei costi fissi.

Restiamo uniti, nel rispetto delle regole e della legalità. Il Sindacato è al vostro fianco per condurre ancora una volta un’azione di rivendicazione dei nostri diritti, nell’ambito della legalità e della sicurezza di tutti.

Il Presidente di Confcommercio Enna                    Maurizio Prestifilippo

Il Presidente di Confcommercio Caltanissetta      Calogero Nicoletti

Il Commissario F.I.P.E. Enna                                   Orazio Bonina

Il Commissario F.I.P.E. Caltanissetta                     Alfonso Martorana

Il Direttore di Confcommercio Enna                       Gianluca Speranza

 

 La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

`Il nostro destino si gioca in Sicilia', Conversazione con Calogero MANNINO a cura di LIMES

`Il nostro destino si gioca in Sicilia', Conversazione con Calogero MANNINO a cura di LIMES

LIMES Qual è il valore geopolitico della Sicilia? MANNINO La Sicilia è la chiave del Mediterraneo centrale e meridionale. Dall'isola...

Scuola: situazione insostenibile per il personale docente di ruolo fuori sede

Scuola: situazione insostenibile per il personale docente di ruolo fuori sede

  Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani intende segnalare le tantissime email pervenute dal personale educativo in merito...

Cosa abbiamo perduto passando dal servizio al sistema sanitario nazionale?

Cosa abbiamo perduto passando dal servizio al sistema sanitario nazionale?

    Il nostro Sistema Sanitario è ancora detto “Nazionale”, anche se – per dirla in tutta sincerità – di Nazionale ormai...

Libertà per Dana Lauriola, militante No Tav, in carcere dal 17 settembre

Libertà per Dana Lauriola, militante No Tav, in carcere dal 17 settembre

Dana Lauriola, militante No Tav, è in carcere dal 17 settembre 2020 ‒ e, dunque, da quasi sei mesi ‒...