Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
07-05-21

 

Uno schiaffo alla comunità della Provincia. Appare insensato aver individuato nel territorio di Butera il cimitero delle scorie nucleari. Quest’area Vincenzo Mudaro 2potenzialmente idonea secondo la carta predisposta da Sogin, potrebbe decretare la fine di un sistema produttivo che interessa principalmente il turismo e l’agricoltura. Una scelta ridicola nel mezzo di una crisi e di un’emergenza pandemica, soltanto ipotizzare che nel centro della Sicilia, possa essere allocato il deposito delle scorie nucleari. Coloro che hanno individuato la zona tra Butera e Riesi non hanno la minima idea di quale carneficina potrebbe discernere per il territorio e le attività produttive che insistono in questo lembo di Sicilia. Ritengo sia assurdo che una decisione di questa portata sia stata deliberata senza un minimo confronto con la Regione e i sindaci perché piovono sulle comunità interessate decisioni delicatissime che riguardano il futuro dei cittadini. Pertanto, la pubblicazione della mappa fino a ieri chiusa nei cassetti di Sogin e la consultazione pubblica che seguirà nei prossimi mesi, siamo certi troverà il territorio e la stessa Regione pronti ad opporsi in tutti i modi. Le aree della Provincia di Caltanissetta e quelle della Provincia di Enna con la miniera di Pasquasia, hanno già pagato un prezzo troppo alto alla sostenibilità ambientale con una industrializzazione che, spesso, è stata croce e delizia per le comunità del comprensorio. La “ciliegina” del deposito nucleare condanna alla desertificazione quest’area della Provincia che ha intrapreso azioni di sviluppo incentrate sulla valorizzazione dell’agricoltura, del turismo e della cultura. La decisione di considerare il territorio tra Butera e Riesi idoneo a ospitare i rifiuti radioattivi, smonta completamente quel progetto di investimento per il suo rilancio economico. I territori di Enna e Caltanissetta hanno urgente bisogno di rialzare la tesa perché è imprescindibile rilanciare questa zona di Sicilia per abbattere le barriere che dividono il Paese, frenare l’esodo di tantissimi giovai talenti per la fortuna di altre città o nazioni. La centralità del lavoro e degli investimenti produttivi devono servire come leva per eliminare le profonde disuguaglianze sociali, economiche e territoriali che esistono tra questi territori e il sistema Italia.

Il Segretario Generale Uil Caltanissetta-Enna

Vincenzo Mudaro

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Vicinanza del Partito Democratico ennese alle vittime di abusi sessuali

Vicinanza del Partito Democratico ennese alle vittime di abusi sessuali

Sulle recenti vicende di cronaca che coinvolgono il clero ennese, il Partito Democratico esprime vicinanza a tutte le vittime o...

Scuola: Individuare in modo chiaro soluzioni per lo svolgimento delle lezioni

Scuola: Individuare in modo chiaro soluzioni per lo svolgimento delle lezioni

In questi ultimi giorni la scuola italiana è di nuovo al centro del dibattito politico e non solo: fra le...

“Si muore sul lavoro come 100 anni fa... e questo non possiamo permettercelo”

“Si muore sul lavoro come 100 anni fa... e questo non possiamo permettercelo”

La Filctem Cgil di Enna si unisce al dolore della famiglia della lavoratrice di 22 anni che ha perso la...

Tirocinanti Avviso 22: i soldi ci sono, perché la Regione Siciliana non ci avvia al lavoro?

Tirocinanti Avviso 22: i soldi ci sono, perché la Regione Siciliana non ci avvia al lavoro?

  Noi tirocinanti dell'avviso 22 chiediamo alla Regione Siciliana tramite un ordine del giorno  presentato dei deputati del movimento cinque stelle...