Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
15-01-21

 

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani, dopo le dichiarazioni rilasciate da diversi esponenti politici in merito scuola2all’apertura delle scuole fissata per il 7 di gennaio, con una didattica in presenza al 50%, segnala di aver ricevuto molte lamentele da parte del mondo scolastico. Inoltre si può facilmente constatare dai siti delle testate giornalistiche di settore come tra i commenti degli interessati risulti maggioritaria la propensione alla cautela e la preoccupazione per le possibili conseguenze sia tangibile.

Il CNDDU chiede al Ministero dell’Istruzione di verificare ulteriormente le condizioni generali in atto (Coronavirus in Italia, i dati e la mappa,  prima di procedere all’aperture incondizionata delle scuole di ogni ordine e grado. Riteniamo fondamentale avviare monitoraggi globali e analizzare attentamente tutte le varie situazioni regionali prima di far ripartire docenti fuorisede e sollecitare la sanificazione dei locali, in quanto il rischio di dover nuovamente attivare la DaD dopo due / tre settimane in presenza in funzione di una terza ondata è tutt’altro che remoto.

Vogliamo evidenziare che, come riferito dalla sottosegretaria della Salute Sandra Zampa, e dai sindacati confederali in merito alle professioni da vaccinare in maniera prioritaria, la categoria degli insegnanti è tra le attività lavorative più rischiose per il contatto con il pubblico. Oggi i contagi hanno fatto registrare un valore pari a 22.211 nuovi casi; 462 vittime ed un tasso di positività al Covid in Italia, che si attesta al 14,1% rispetto al 12,6% di giovedì. Si dovrebbe riflettere su tali dati considerando che oggi è soltanto il primo giorno dell’anno.

 

prof. Romano Pesavento

presidente CNDDU

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Enna – Confcommercio e F.I.P.E. non aderiscono alla manifestazione “#Ioapro1501”

Enna – Confcommercio e F.I.P.E. non aderiscono alla manifestazione “#Ioapro1501”

Venerdì prossimo 15 Gennaio, è stata indetta una manifestazione di disobbedienza civile con la quale i promotori hanno chiesto ai...

Enna - Rampello (PD): Chiusura scuole materne una semplice operazione di bilancio

Enna - Rampello (PD): Chiusura scuole materne una semplice operazione di bilancio

Da qualche giorno assistiamo ad una vicenda che definirla surreale è riduttivo. L’amministrazione comunale tramite il sito istituzionale dell’ente, Lunedì...

Ci penserà l’Assessore a spiegare ai bambini che la loro scuola non c’è più!

Ci penserà l’Assessore a spiegare ai bambini che la loro scuola non c’è più!

In merito alla decisione presa dall’ Amministrazione Comunale relativa alla chiusura della scuola dell’ infanzia Fontanazza i genitori vogliono dire...

È il momento di concedere credito con garanzia dello Stato

È il momento di concedere credito con garanzia dello Stato

Il momento di evidente e prolungata difficoltà economica e sociale impone una riflessione accorta sulle possibili strategie di ripresa. Fondamentale...