Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
25-01-21

 

Caro Sindaco Accardi, ho letto le polemiche che hanno travolto Barrafranca, il paese che lei amministra, per via delle dichiarazioni di padre Nicolosi famiglie arcobalenodurante un'omelia a proposito di cosa sarebbe o non sarebbe famiglia. Non entro nel merito delle dichiarazioni del parroco che, per altro, in una certa misura si è scusato. Mi limito a fargli notare che molti altri parroci in tutta Italia hanno dimostrato di aver compreso l'evoluzione della società e accolgono le famiglie arcobaleno esattamente come tutte le altre.

Invece è a lei che voglio rivolgermi in quanto amministratore eletto, per di più, con una coalizione che include il mio partito. Lo stesso partito che ha voluto e ottenuto la legge sulle unioni civili per la quale io e altri colleghi abbiamo lavorato per anni senza tregua. Definire "moda del momento" le famiglie arcobaleno, le coppie di persone dello stesso sesso, l'affermazione dei diritti non è degno del ruolo di un sindaco che dovrebbe preoccuparsi del benessere dei propri cittadini e delle proprie cittadine, qualunque sia il loro orientamento sessuale o la loro identità di genere. Le battaglie per l'uguaglianza e le vittorie ottenute finora devono essere un vanto per la nostra società.

Le persone omosessuali, lesbiche, bisex, trans, intersex sono sempre esistite e sono, da altrettanto tempo, discriminate. Se la "moda del momento" è riconoscere a loro e alle loro vite la dignità che meritano, ben venga la moda allora. Fuori da questa "moda" rimane solo chi è ancorato ad un mondo che sta lentamente scomparendo. E per fortuna, aggiungo. Un mondo fatto di cittadine e cittadini invisibili, di amori discriminati, di odio e violenza, di disuguaglianza. Noi, la politica, chi amministra, in osservanza alla Costituzione su cui giuriamo abbiamo il dovere di batterci contro le disuguaglianze e le discriminazioni, ovunque si annidino. E, creda, la "libertà di pensiero" a cui lei fa riferimento non ha nulla a che vedere con la libertà di escludere le persone invece di includerle nella società. Penso alle tante persone lgbt+ che sicuramente vivono a Barrafranca o che ci sono nate e sono dovute andare altrove. Penso alla sofferenza che le sue parole, del loro sindaco, possano aver provocato in loro. A queste persone va tutta la mia solidarietà e vicinanza.

La invito, dunque, a riflettere profondamente sulle sue parole e sugli effetti che queste possono avere avuto su chi vive nella sua città. Specialmente i più giovani che hanno un estremo bisogno di crescere in un ambiente accogliente e che lasci loro la possibilità di essere quello che sono, al pari di chiunque altro.

 

Sen. Monica Cirinnà Responsabile Nazionale Diritti del Partito Democratico

 

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Enna - Marino (PD): Adeguare il Servizio di Navetta gratuito alle esigenze dei cittadini

Enna - Marino (PD): Adeguare il Servizio di Navetta gratuito alle esigenze dei cittadini

Ma questa amministrazione sta realmente razionalizzando le risorse economiche dove necessitano???? SERVIZIO NAVETTA GRATUITO: un servizio che i contribuenti ennesi continuano...

Uppi: Locazioni il bilancio del 2020

Uppi:  Locazioni il bilancio del 2020

L’UPPI (Unione Piccoli Proprietari Immobiliari Enna inizia un nuovo anno 2021, con forti preoccupazioni e molte rivendicazioni da portare avanti...

Minoranza: Sulle scuole Rodari e Fontanazza vanno fatte scelte di buon senso

Minoranza: Sulle scuole Rodari e Fontanazza vanno fatte scelte di buon senso

  Abbiamo sperato fino all'ultimo nel buon senso della maggioranza, auspicando che il silenzio protrattosi per oltre una settimana potesse produrre...

Enna - incontro famiglie e partiti di opposizione in merito a chiusure scuole dell'infanzia

Enna - incontro famiglie e partiti di opposizione in merito a chiusure scuole dell'infanzia

Nonostante il silenzio fatto calare dall'unanime Amministrazione comunale sulla chiusura delle due scuole dell'infanzia "Rodari" e " Fontanazza" e nonostante...