Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
01-12-20

Una politica industriale di rilancio del territorio attraverso un piano mirato di ricerca e innovazione, un ammodernamento delle dittainoinfrastrutture, un investimento sull’intero sistema di energia e sul ciclo dei rifiuti, un piano sul risparmio energetico, la rigenerazione urbana, l’implementazione della produzione di energia da fonti rinnovabili, la promozione di un’economia circolare fondata su riciclo e riuso e la ricerca di investimenti privati per rilanciare la Zona industriale del Dittaino.

La pandemia ha portato ad una contrazione del sistema economico in tutto il mondo, con un blackout di domanda e offerta che ha avuto un impatto immediato e drammatico senza precedenti nella storia. Le restrizioni imposte per contenere la diffusione del virus hanno rallentato l’attività economica determinando uno shock economico. La Sicilia e la Provincia di Enna subiscono, ancora di più gli effetti perversi della crisi economica.

Tuttavia, i fondi Europei rappresentano la benzina per investire su un nuovo modello di sviluppo, che sia capace di affrontare le criticità storiche che il nostro paese non ha saputo fino ad oggi risolvere e che l’emergenza ha messo in luce evidenziando le diseguaglianze economiche e sociali che in modo sempre più feroce lacerano questa provincia. L’utilizzo dei fondi Europei rappresenta una straordinaria opportunità soprattutto se verranno utilizzati su settori davvero strategici. Il nostro è un territorio strategico dove le bellezze paesaggistiche archeologiche e agricole devono interagire con le nuove tecnologie innovative.

Non dimentichiamo che siamo di fronte ad un fatto inedito: la grande politica keynesiana dell’Europa con il Recovery fund, cercherà di diffondere benessere anche nel territorio siciliano ed ennese. Alla luce di quanto sta avvenendo occorre aprire una nuova fase dove si avvii un confronto permanente tra le istituzioni, il sindacato, le imprese e le amministrazioni locali. La formazione dovrà svolgere un ruolo preponderante e dovrà assolutamente dialogare con il mondo del lavoro e con il territorio per sconfiggere o alleviare le diseguaglianze sociali. Ci serve un New Deal delle competenze tecnico-scientifiche per rispondere ai cambiamenti che questi tempi ci impongono.

 

Alfredo Schilirò – Segretario Generale Filctem Cgil Enna

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Maggioranza consiliare: Condividiamo le scelte del Sindaco di Leonforte

Maggioranza consiliare: Condividiamo le scelte del Sindaco di Leonforte

  Il gruppo di maggioranza ritiene adeguate, in questa fase ancora critica, le misure adottate dal Sindaco Barbera e dalla Giunta...

3 dicembre Giornata Internazionale delle persone con Disabilità

3 dicembre Giornata Internazionale delle persone con Disabilità

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani vuole ricordare che il prossimo 3 dicembre si celebrerà la...

Enna – Il dipartimento Aree Interne del Partito Democratico a Stefania Marino

Enna – Il dipartimento Aree Interne del Partito Democratico a Stefania Marino

Il 25 Novembre, a Palermo, in occasione del deposito del provvedimento di istituzione dei Dipartimenti Tematici, con conseguente investitura dei...

La mia opinione sul primario di radiologia non cambia: sta facendo tantissimo.

La mia opinione sul primario di radiologia non cambia: sta facendo tantissimo.

Io ho sempre svolto da trent’anni ormai un’azione politica rivolta alla tutela e nell’interesse esclusivo della collettivita’ e mai per...