Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
29-10-20

 


I coordinamenti regionali dell'Uaar e dei Cobas Scuola hanno appena scritto ai dirigenti scolastici degli uaaristituti di ogni ordine e grado sul territorio siciliano per sollecitare formalmente l'avvio delle attività didattiche alternative all'insegnamento della religione cattolica. La prassi di organizzare tali attività e proporle alla scelta delle famiglie solo ad anno scolastico iniziato è stata censurata proprio in questi giorni da un'importante sentenza del Tar Lazio che condanna il MIUR, dopo 7 anni di battaglie legali dell'Uaar, a riformare le procedure in modo che l'ora alternativa sia assicurata fin dal primo giorno di scuola, e comunque contemporaneamente a quella di religione. A questa disorganizzazione strutturale, a cui si spera questa condanna ponga fine, quest'anno si aggiunge il p retesto della mancanza di aule e di docenti dovuta all'emergenza COVID. Come già scritto dall'Uaar ai ministri competenti, tali difficoltà, seppur comprensibili, non possono autorizzare la negazione del diritto, costituzionalmente garantito e ribadito in una vasta giurisprudenza, a non subire l'insegnamento confessionale della religione cattolica. In particolare ne costituisce una grave violazione costringere l'allievo che ha chiesto di non avvalersene a sostare passivamente nella classe in cui viene impartito detto insegnamento (che ricordiamo essere opzionale), con l'intimazione a "non disturbare la lezione": un espediente gravemente discriminatorio denunciato da diverse famiglie allo sportello Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., che raccoglie segnalazioni e richieste di assistenza gratuita .

Uaar e Cobas Scuola continueranno a vigilare affinché la libertà di coscienza, specie quella dei giovanissimi, non venga conculcata proprio in quella Scuola Pubblica Statale che dovrebbe difenderla e coltivarla.


Giorgio Maone
Coordinatore Uaar Sicilia

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Sanità - Ammalati di Covid e di altre patologie: a tutti il diritto alla cura

Sanità - Ammalati di Covid e di altre patologie: a tutti il diritto alla cura

Nel prendere la decisione su dove allocare tali posti letto ci ha guidati il dovere di garantire, insieme e senza...

In ricordo di Loredana Calì e di tutte le vittime di femminicidio

In ricordo di Loredana Calì e di tutte le vittime di femminicidio

Con la piantumazione di un albero di ulivo, dopo la pronuncia di condanna a carico di Marraro Filippo, Loredana Calì...

Ad Enna la maggioranza vuole dare all’opposizione la vice presidenza del consiglio comunale, indicando il nome. Netto Rifiuto

Ad Enna la maggioranza vuole dare all’opposizione la vice presidenza del consiglio comunale, indicando il nome. Netto Rifiuto

  Era il 3 luglio 2015 e fioccavano dalle fila della maggioranza commenti caustici quando il PD opposizione e anche maggioranza...

“Ricordi di Sicilia “ : Quando Morena mi aggiustava il nodo alla cravatta

“Ricordi di Sicilia “ : Quando Morena mi aggiustava il nodo alla cravatta

                               Ragazzini vestiti da uomini eravamo. Alle...