Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
24-09-20

dunarea de jos 2020

 

dario cardaci dedalo

 

Curiosa l’estate. È la stagione breve, anche se dura come tutte le altre se osservi il calendario. In fondoriviera ragusana dura solo pochi giorni o al massimo qualche settimana, quando sei adulto. Di più - enormemente di più – se sei piccolo, da ragazzo o quando diventi adolescente. La linea di confine tra estate lunga e estate breve è la “notte prima degli esami”, tutt’al più ne trovi qualche scampolo dopo negli anni dell’università. Ma in quel caso è una conquista e non una certezza.

L’estate. Caldo-sole-mare, un tris perfetto (ma anche noia, talvolta, che arriva a scompaginare le carte). L’estate che ti senti addosso, bellissima e crudele, con i suoi amori brevi ma infiniti, col vento caldo, quando ti chiedi “io vado al mare, voi che fate?” L’estate che scorre, prima che il vento si porti via tutto e che settembre porti a tutti una strana felicità. L’estate. Quella in cui è vietato non innamorarsi ancora. E dell’amore di una sera. L’estate. Quando l’eternità è un battito di ciglia. L’estate. È stupenda ma dura poco. Poi diventa “un’estate fa”, e trascina via con sé anche il meglio delle favole. L’estate di John Wayne. L’estate consumata su una spiaggia solitaria, In bilico, sperando che potesse non finire mai. Come l’amore di una sera. E invece no. Tutto finisce sempre così, col vento caldo di un’estate che va. O almeno così ce la raccontano le parole che danzano in equilibrio sulle note di chi canta. Perché per ogni spicchio d’estate c’è sempre una melodia che lo celebra. Stagione curiosa l’estate.

Ma una Estate così non la dimenticheremo mai perché come per la storia c’è un tempo “a.C – d.C) ora dal 2000 in poi c’è “ a. covid-19 - d. covid-19” , Marina di Ragusa è stata caratterizzata da un saluto stravagante e liberatorio “Ehilà”, il vedersi o meglio il rivedersi dopo l’isolamento per il Covid-19 ha suscitato nei ragusani una gioia inusuale per il temperamento pacato e riservato.

La possibilità di ritornare alle proprie abitudini estive, ha dato un po' a tutti un momento di ottimismo pacato e di una normalità controllata e condivisa.

L’Accademia delle Prefi ha organizzato un incontro dibattito sulla stagione estiva 2020 nella struttura del Pamoky di M. di Ragusa, mettendo in evidenza che quello che ha prevalso è stata la consapevolezza del ruolo dell’amicizia e dei rapporti umani.

 

Il Presidente dell’Accademia delle Prefi

Salvatore Battaglia

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

“Sui concorsi al Comune di Enna le opposizioni non erano strumentali”

“Sui concorsi al Comune di Enna le opposizioni non erano strumentali”

Apprendiamo e seguiamo con interesse l’intervento dell’Assessorato Regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica in relazione alla segnalazione sui...

Enna - NOstra all’indomani del referendum ringrazia gli elettori

Enna - NOstra all’indomani del referendum ringrazia gli elettori

Grazie a tutti coloro che hanno creduto nel nostro lavoro. All'indomani del referendum confermativo parlano i numeri e le percentuali. Un...

La struttura del PEI per gli studenti con disabilità

La struttura del PEI per gli studenti con disabilità

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani accoglie con favore l’intento del Ministero di uniformare a livello nazionale...

Non è vero che i frutti debbano cadere per forza vicino al ramo!

Non è vero che i frutti debbano cadere per forza vicino al ramo!

  Voglio rivolgermi ai giovani democratici, non perché sia turbato dal contenuto della nota, nonostante questo sia il secondo attacco personale...