Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
24-09-20

dunarea de jos 2020

 

dario cardaci dedalo

 

 

Alla fine della fiera, dopo aver sentito tutte le parti politiche presenti in città esprimersi sulla situazione finanziaria comunale, è leonforte municipiochiaro che anche il nostro movimento politico prenda posizione.

Il dissesto economico era una ipotesi che avremmo voluto evitare, non un salvagente al quale appigliarsi, nonostante le acque in questi due anni siano state parecchio agitate. È stato inevitabile, anche come espresso dalla Corte dei Conti, percorrere questa via. Ancora una volta c’è voluto coraggio nel gestire tale situazione, non possiamo non essere ancora più vicini al nostro Sindaco. Non possiamo non condividerne le preoccupazioni e i pensieri di questi giorni. Le parti politiche della minoranza hanno fatto sentire la loro voce, condividiamo appieno il passaggio di un comunicato stampa in cui veniva sbandierato il fallimento della classe dirigente leonfortese.

È vero, non possiamo non essere d’accordo. È il fallimento di una classe dirigente che ha governato, che ha indotto il comune ad una grave crisi finanziaria tale da ricorrere al dissesto economico. È il fallimento di una classe politica di “Sinistra”, che in questi anni ha guidato la città con scelte politiche che si sono rivelate totalmente errate.

Non ci saranno licenziamenti, come inventato da qualcuno, non ci saranno gli allarmismi lanciati in questi giorni. I cantieri di servizi continueranno ad essere garantiti, i sevizi essenziali saranno assicurati. Diversi sono i progetti in cantiere e alcuni lavori partiranno davvero tra qualche giorno.

Nonostante ciò continueremo verso gli obbiettivi che ci siamo prefissati, continueremo a lavorare per Leonforte e per i leonfortesi.
Nel nostro operato quotidiano abbiamo reso conto e continueremo a rendere conto ai cittadini e alla nostra coscienza, non a logiche partitocratiche. Non a bracci di ferro.
Noi possiamo continuare a camminare a testa alta, sempre percorrendo la via del buon governo.
Le motivazioni che portano al dissesto sono lontane da noi, si rifanno ai mesi precedenti alla nostra elezione. Molti lo sanno, tanti fanno finta di non capire.

Noi lo diremo fino allo sfinimento. Le responsabilità sono lontane anni luce da noi e dalla nostra realtà. Nonostante ciò noi stiamo affrontando questa situazione con l’impegno che meritano la città e i cittadini.

Una volta per tutte, delle chiacchiere bar di alcuni movimentucci politici monoporzione non ci interessa nulla. Continuassero pure a fare barzelletta. Noi abbiamo da pensare al futuro della città.

 

Paolo Licciardo (FdI – Leonforte)

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

“Sui concorsi al Comune di Enna le opposizioni non erano strumentali”

“Sui concorsi al Comune di Enna le opposizioni non erano strumentali”

Apprendiamo e seguiamo con interesse l’intervento dell’Assessorato Regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica in relazione alla segnalazione sui...

Enna - NOstra all’indomani del referendum ringrazia gli elettori

Enna - NOstra all’indomani del referendum ringrazia gli elettori

Grazie a tutti coloro che hanno creduto nel nostro lavoro. All'indomani del referendum confermativo parlano i numeri e le percentuali. Un...

La struttura del PEI per gli studenti con disabilità

La struttura del PEI per gli studenti con disabilità

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani accoglie con favore l’intento del Ministero di uniformare a livello nazionale...

Non è vero che i frutti debbano cadere per forza vicino al ramo!

Non è vero che i frutti debbano cadere per forza vicino al ramo!

  Voglio rivolgermi ai giovani democratici, non perché sia turbato dal contenuto della nota, nonostante questo sia il secondo attacco personale...