Da qualche giorno circolano insistentemente voci, negli ambienti politici locali, che confermerebbero la volontà dei più autorevoli rappresentanti della Lega, di partecipare alla prossima competizione francesco Rampelloelettorale in appoggio e nelle liste “civiche” che sostengono Dipietro, questo se non altro trova conferma anche nel voto favorevole al bilancio di qualche giorno fa.

Pare che questa competizione elettorale locale sia determinata da fatti e atti che nulla hanno a che vedere con la politica e con le alleanze politiche tra i partiti che condividono la medesima base culturale e ideologica.

Questa amministrazione a tutto ci ha abituato, financo, alla speculazione elettorale. L’ultima in ordine temporale è stata la “velata” promessa di centinaia di posti di lavoro legati all’ex CISS. La notizia palesemente infondata, divulgata per mezzo social dall’On. Colianni, azionista di maggioranza dell’attuale amministrazione cittadina, rischia di creare aspettative personali, che si tradurranno in grandi delusioni e che sono da considerare al limite della legalità di una compagna elettorale. Il Partito Democratico sarà particolarmente attento e vigile affinché la competizione sia contenuta all’interno della legalità.

Concludo, chiedendo ad Italia Viva una presa di posizione forte, dopo aver determinato nei mesi scorsi una crisi politica e amministrativa con l’attuale amministrazione motivata dalla presenza della Lega, la quale pare essere tornata, e ad azioni amministrative poco chiare già più volte esposte dall’ex assessore Gargaglione.

Se la Lega resta con Dipietro, come fatto in occasione del bilancio, che farà Italia Viva?

E’ ancora valido il principio di dignità politica o è diventata un optional?

 

Francesco Rampello

Segretario circolo PD

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.