Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
21-09-20

dunarea de jos 2020

 

dario cardaci dedalo

 

Nella giornata di oggi hanno scioperato gli operatori inbound del call center MICS di Enna (gruppo Abramo Customer Care) a causa nidildel totale silenzio, da parte del datore di lavoro l’Agenzia Openjobmetis e l’utilizzatrice MICS, circa il loro futuro lavorativo e la mancata liquidazione di spettanze contrattuali pregresse.

In piena pandemia questi lavoratori hanno subito la perdita della sede di lavoro sita ad Enna bassa ed un trasferimento ad oltre 90 km dal sito ennese, notizia che ha creato non poche preoccupazioni a chi, dentro quel call center, gestione dopo gestione, ha maturato un’esperienza di oltre dieci anni.

Il trasferimento collettivo, avvenuto senza alcun rispetto delle norme contrattuali in materia di comunicazione preventiva ai rappresentanti dei lavoratoti, oltre a far emergere condotte antisindacali non ha dato la possibilità di aprire un tavolo di trattativa.

Per aggirare il blocco dei licenziamenti imposto dal governo, l’utilizzatore MICS sta adottando la chiara strategia di scoraggiare alcuni lavoratori che potrebbero optare per le dimissioni con giusta causa. L’attuale prospettiva, infatti, sarebbe quella di recarsi in una sede distante, non raggiungibile con i mezzi pubblici, con un contratto part-time e senza alcun incentivo economico.

Da diverse settimane NIdiL Cgil ha chiesto una maggiore regolamentazione dello smart working per tutti questi operatori i quali, pur subendo un trasferimento di sede, potrebbero continuare a lavorare da casa.

Assistiamo all’ennesimo processo di desertificazione del nostro territorio, nel totale silenzio anche della politica locale, pertanto, Nidil-Cgil comunicherà altre azioni di protesta nelle prossime settimane qualora non si apra seriamente un tavolo di discussione fra le parti.

Floriana Solaro

Segretario Prov.le NIdiL CGIL Enna

Angelo Malaguarnera

Gianfranca Cantello

Le Rappresentanze Sindacali Aziendali

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Non è vero che i frutti debbano cadere per forza vicino al ramo!

Non è vero che i frutti debbano cadere per forza vicino al ramo!

  Voglio rivolgermi ai giovani democratici, non perché sia turbato dal contenuto della nota, nonostante questo sia il secondo attacco personale...

DURA LEX, SED LEX

DURA LEX, SED LEX

Cominciamo citando la norma, così da andare dritti al punto: "Il personale che riveste funzioni direttive negli uffici o nelle...

30° anniversario della morte del giudice dott. Rosario Livatino

30° anniversario della morte del giudice dott. Rosario Livatino

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti delle discipline dei Diritti Umani ricorda il 30° anniversario della morte del giudice dott. Rosario...

Giovani UDC: Referendum, Votiamo NO per salvare la nostra Democrazia

Giovani UDC:  Referendum, Votiamo NO per salvare la nostra Democrazia

"Amiche e Amici, Domenica e Lunedì siamo chiamati a votare per il Referendum Costituzionale sul Taglio dei Parlamentari. Come già annunciato...