Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
05-07-20

dunarea de jos 2020

 

In crisi il servizio di trasporto pubblico locale urbano ed extraurbano erogato da molti Comuni ed i collegamenti trasporto pubblico localeregionali ed a rischio la sicurezza e l'incolumità dei lavoratori sul luogo di lavoro in merito agli effetti prodotti dall'emergenza pandemica da  Covid 19. Sono troppe le aziende pubbliche e private concessionarie che non applicano le disposizioni contenute nelle Ordinanze contingibili e urgenti del Presidente della Regione Siciliana, compreso la n.25 dello scorso 13 giugno.

Rispetto a quanto previsto dall'articolo 5 dell'Ordinanza  n.25 del 13 giugno 2020, con riguardo all'apertura del 100 per cento del Trasporto Pubblico Locale Urbano e del 60 per cento del Tpl extraurbano abbiamo chiesto al Presidente Musumeci di intervenire per verificare come mai molte aziende del settore non stanno applicando il citato criterio mettendo in crisi il servizio erogato dai Comuni ed i collegamenti regionali. Scelta inspiegabile dato che la Regione Siciliana, in sede di approvazione della legge regionale di stabilità 2020 ha confermato per l'anno in corso la stessa copertura finanziaria del 2019, pari a circa 164 milioni di euro, per lo stesso numero di milioni di chilometri rispetto all'anno scorso, garantendo alle Concessionarie pubbliche, e quindi partecipate, e private le stesse condizione generali, tecniche ed economiche non corrisposte da uguale servizio erogato.

Come Ugl abbiamo chiesto al Presidente della Regione di accertare come mai molte aziende concessionarie pubbliche e private non abbiano provveduto al rientro del personale posto in Cassa integrazione ed all'utilizzo dell'intero parco mezzi per dare risposte all'utenza con l'apertura della stagione balneare in Sicilia e con la prossima riapertura dell'anno scolastico prevista per settembre 2020 e sicurezza e serenità agli autisti dei mezzi che ogni giorno si devono scontrare con situazioni al limite dell'incolumità fisica. Se non si porrà rimedio a questo stato di cose,  i Comuni interessati, ed in particolare quelli della provincia di Enna già privi di collegamenti, si ritroveranno nella impossibilità di garantire il servizio essenziale scolastico ed i lavoratori permanere esposti a rischi di salute e incolumità.

Come Ugl auspichiamo che su queste criticità evidenti e complesse vi sia l'Autorevole  intervento del Presidente Musumeci per dare all'utenza ed ai flussi turistici quelle risposte efficaci ed efficienti in termini di mobilità, che una regione come la Sicilia merita in prospettiva del rilancio che il governo regionale, con tutti gli sforzi profusi in tal senso su infrastrutture e mobilità, si appresta a dare a questa straordinaria terra.

 

Giuseppe Messina, Segretario Ugl Sicilia

Giuseppe Scannella Segretario regionale Ugl Autoferrotranvieri

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Contro i matrimoni precoci

Contro i matrimoni precoci

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani intende portare all’attenzione di tutti il tragico fenomeno delle spose bambine...

Nuovo Statuto Ente Parco Floristella: basi per rilancio del sito di archeologia industriale

Nuovo Statuto Ente Parco Floristella: basi per rilancio del sito di archeologia industriale

  Con grande soddisfazione apprendiamo la notizia dell’approvazione, da parte della Giunta Regionale, del nuovo Statuto dell’“Ente Parco Minerario Floristella-Grottacalda”. Un...

Il post Covid-19 e la situazione economica nelle province della Sicilia centrale

Il post Covid-19 e la situazione economica nelle province della Sicilia centrale

  Il territorio di Agrigento, Caltanissetta ed Enna è caratterizzato da cronici ritardi che frenano il necessario processo di sviluppo. Oggi...

La processione del 2 Luglio sostituita dalla processione delle macchine nel centro storico

  La processione del 2 Luglio sostituita dalla processione delle macchine nel centro storico

Ieri, Festa Patronale, si è registrata una forte presenza di automobili nel centro storico, che ha reso quasi impossibile per...