Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
05-07-20

dunarea de jos 2020

Nella provincia di Enna purtroppo bisogna constatare che il riavvio dei cantieri stenta a decollare; in particolar modo vogliamo farfeneal uil notare che, a causa di sterili diatribe politiche, non stanno ripartendo i cantieri pubblici per il rifacimento delle reti idriche nei Comuni della Provincia. Cantieri, che già da qualche mese avrebbero dovuto essere avviati e che potrebbero dare lavoro a centinaia di famiglie, restano impantanati in una palude politica determinata dagli ostacoli frapposti da alcuni (pochissimi) primi cittadini, le cui priorità probabilmente sono di naturale elettorale piuttosto che di dare risposte occupazionali ai lavoratori e di dotare di infrastrutture primarie il territorio. Causando, con ciò, il rischio di perdere i finanziamenti europei già stanziati e pronti per essere spesi! Il passaggio dall’Ato all’ATI è peraltro un passaggio che la norma pone come obbligatorio pena l’impossibilità di operare per attivare gli investimenti pubblici, in gran parte provenienti dall’Unione Europea, che attendono il via libera dell’ATI per ammodernare le reti idriche colabrodo che, causando la perdita di oltre il 60% dell’acqua immessa nelle condotte, produce sprechi ma anche costi più alti per la gestione dell’acqua! Meraviglia la cinica sordità alle problematiche concrete dei lavoratori e delle comunità amministrate che alcuni Sindaci (in provincia di Enna quelli dei due Comuni più popolosi del territorio) sia a Caltanissetta che ad Enna, dopo mesi e mesi di ritardi per il passaggio definitivo all’ATI, continuano a esercitare questa sorta di gioco ad ostacoli. In questo frangente in cui l’Italia ha bisogno di ripartire, di rimettere in moto l’economia dopo l’emergenza sanitaria vissuta negli ultimi mesi, è necessario che la politica dia il buon esempio prodigandosi concretamente, non facendo solo chiacchere, interessi elettorali o di bottega, per sbloccare al più presto ovunque tutte le opere che sono immediatamente cantierabili, perché già in possesso di copertura finanziaria e progetti esecutivi. Nel frattempo che qualche amministrazione comunale si diletta in bizantinismi politici il disagio sociale aumenta; aumenta la disperazione di chi non riesce a far fronte neanche alle più elementari esigenze di sostentamento di sé e delle proprie famiglie. Auspichiamo che la politica faccia davvero la propria parte nel dare risposte serie, concrete, urgenti al disastro economico e sociale che rischia di esplodere in rabbia sociale.

Segretario Generale Camera sindacale Uil Enna-Caltanissetta

Vincenzo Mudaro

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Contro i matrimoni precoci

Contro i matrimoni precoci

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani intende portare all’attenzione di tutti il tragico fenomeno delle spose bambine...

Nuovo Statuto Ente Parco Floristella: basi per rilancio del sito di archeologia industriale

Nuovo Statuto Ente Parco Floristella: basi per rilancio del sito di archeologia industriale

  Con grande soddisfazione apprendiamo la notizia dell’approvazione, da parte della Giunta Regionale, del nuovo Statuto dell’“Ente Parco Minerario Floristella-Grottacalda”. Un...

Il post Covid-19 e la situazione economica nelle province della Sicilia centrale

Il post Covid-19 e la situazione economica nelle province della Sicilia centrale

  Il territorio di Agrigento, Caltanissetta ed Enna è caratterizzato da cronici ritardi che frenano il necessario processo di sviluppo. Oggi...

La processione del 2 Luglio sostituita dalla processione delle macchine nel centro storico

  La processione del 2 Luglio sostituita dalla processione delle macchine nel centro storico

Ieri, Festa Patronale, si è registrata una forte presenza di automobili nel centro storico, che ha reso quasi impossibile per...