Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
08-03-21

 

30milioni di euro da mettere subito a disposizione delle quasi 25mila imprese artigiane siciliane, chiamate a scavoneregolarizzare la loro posizione contributiva per accedere a Fsba e garantire così sostegno al reddito ai circa 60mila lavoratori a copertura del periodo di chiusura forzata delle attività. Si tratta di un intervento fondamentale che muove dall’esigenza dei dipendenti che si trovano temporaneamente sospesi dal lavoro perché le relative aziende artigiane, a causa della pandemia, sono state costrette a sospendere o ridurre l’attività d’impresa. Ci siamo attivati con urgenza e senso di responsabilità, chiamando in causa l’Assessore Scavone, che pur apprezzando la richiesta ha dato la disponibilità a valutarne la possibilità di poterla finanziare nella piena consapevolezza che un bacino così ampio di dipendenti non può rischiare, in questo particolare momento, di essere tagliato fuori dagli ammortizzatori sociali. Anche una recente circolare dell’Inps ha, infatti, sgombrato il campo da interpretazioni ed equivoci: è stato chiarito che, per il settore artigianato, le integrazioni salariali, per le sospensioni derivanti dall’emergenza Covid19, devono essere garantite da Fsba. Ma per essere erogate elemento essenziale, imprescindibile è che le imprese siano in regola con la contribuzione da almeno 36 mesi. Da qui la necessità, tenuto conto della numerosa platea ancora non iscritta al Fondo, di promuovere misure di intervento finalizzate ad agevolare il percorso di regolarizzazione. Dal canto suo Fsba ha autorizzato uno speciale piano che prevede la rateizzazione in 12 mesi a partire dal ripristino del pagamento del contributo. A nostro avviso però resta un grande nodo, quello di non appesantire il processo di ripresa economica post-coronavirus. Ed è proprio in questa ottica che abbiamo chiesto l’intervento della Regione, trovando l’immediata apertura dell’Assessore Scavone, il quale si è detto disponibile a valutare, attraverso un passaggio nella giunta di governo, l’istituzione un apposito fondo pubblico a garanzia di Fsba. Questo meccanismo consentirebbe all’impresa artigiana di sanare subito la propria posizione.

Le domande, nell’ambito dell’ emergenza COVID-19, possono riguardare sia la prosecuzione delle prestazioni in corso dal 23 febbraio, che le prestazioni relative ai periodi di sospensione nel limite delle 9 settimane previste dal decreto. Le istanze possono essere presentate fino al 31 maggio 2020. Tutte le procedure dovranno essere effettuate mediante la piattaforma informatica FSBA.

Cgil, Cisl e Uil

Confartigianato CNA Claai Casartigiani

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

`Il nostro destino si gioca in Sicilia', Conversazione con Calogero MANNINO a cura di LIMES

`Il nostro destino si gioca in Sicilia', Conversazione con Calogero MANNINO a cura di LIMES

LIMES Qual è il valore geopolitico della Sicilia? MANNINO La Sicilia è la chiave del Mediterraneo centrale e meridionale. Dall'isola...

Scuola: situazione insostenibile per il personale docente di ruolo fuori sede

Scuola: situazione insostenibile per il personale docente di ruolo fuori sede

  Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani intende segnalare le tantissime email pervenute dal personale educativo in merito...

Cosa abbiamo perduto passando dal servizio al sistema sanitario nazionale?

Cosa abbiamo perduto passando dal servizio al sistema sanitario nazionale?

    Il nostro Sistema Sanitario è ancora detto “Nazionale”, anche se – per dirla in tutta sincerità – di Nazionale ormai...

Libertà per Dana Lauriola, militante No Tav, in carcere dal 17 settembre

Libertà per Dana Lauriola, militante No Tav, in carcere dal 17 settembre

Dana Lauriola, militante No Tav, è in carcere dal 17 settembre 2020 ‒ e, dunque, da quasi sei mesi ‒...