Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
23-02-20

Ancora una volta riceviamo conferma della correttezza del nostro operato dalla magistratura. Contrariamente a quanto affermato in amato e solfatoun articolo di stampa, ci siamo da tempo occupati della questione della riduzione della tariffa Tari per le zone non servite. Più precisamente già dallo scorso settembre 2019, in II Commissione avevamo rilevato l’opportunità di modificare l’art. 38 comma 4 del Regolamento IUC, laddove prevedeva la necessaria preventiva comunicazione da parte del contribuente di trovarsi in una zona non servita, ai fini dell’applicazione allo stesso della riduzione della Tari.
Lamentavamo, in particolare, il fatto che dovesse essere il Comune a sapere se la zona è servita oppure no, soprattutto per non penalizzare gli utenti che non godono di un servizio Non siamo mai stati convinti della risposta fornitaci dagli uffici in quell’occasione, in persona del dott. Lipari, nonché da alcuni componenti della maggioranza, che ribadivano l’obbligo dichiarativo, come è possibile riscontrare dalla lettura dei verbali di commissione. E le recenti sentenze della Commissione tributaria provinciale hanno supportato le nostre ragioni.
Inoltre in data 13 settembre 2018, abbiamo denunciato alla Corte dei Conti l’arbitraria revoca da parte dell’Ente comunale della riduzione in questione alle zone non servite ancor prima che il servizio di raccolta differenziata porta a porta entrasse in vigore.
Anche durante i lavori in IV Commissione abbiamo ribadito la necessità di una modifica del Regolamento relativamente all’art. 38. Abbiamo inoltre lamentato, lo scorso febbraio 2019, l’indiscriminata emanazione di avvisi di pagamento Tari effettuata nel dicembre 2018 a 20.000 utenti, senza tener in alcuna considerazione chi aveva già pagato, chi aveva proposto ricorso e chi aveva una sentenza favorevole, e che questo aveva comportato un enorme disagio per la cittadinanza che, puntualmente, si è ripresentato quest’anno, nonostante lo scorso anno ben 7.000 cartelle risultarono errate.
Proprio questa mattina in IV commissione, ho fatto presente questa situazione all’assessore del bilancio presente, lamentando che non riteniamo giustificabile l’esimente utilizzato dall’Amministrazione, ossia la non corretta trasmissione dei dati da parte dell’Agenzia delle Entrate, atteso che è la stessa utilizzata lo scorso anno, senza che nelle more si sia cercato di prevenire il problema.
E’ chiaro che la materia dei rifiuti è ampia e complessa ma il sistema attuato dall’Amministrazione Dipietro sta dimostrando giorno per giorno tutte le sue debolezze, a dispetto dagli slogan propinati alla cittadinanza, come dimostrano invece le sentenze di condanna.

 

Cinzia Amato e Davide Solfato

consiglieri comunali M5S Enna

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

In Sicilia le tariffe idriche fra le più alte d’italia a fronte di un servizio poco efficiente

In Sicilia le tariffe idriche fra le più alte d’italia a fronte di un servizio poco efficiente

Con la decisione del Tar di Palermo, che ha decretato l’illegittimità degli atti deliberativi con cui la Regione Sicilia fissava...

Forum acque e beni comuni su aggiornamento dei Piani d'Ambito.

Forum acque e beni comuni su aggiornamento dei Piani d'Ambito.

  Nella difformità delle gestioni siciliane in cui ogni provincia fa caso a sé, il fatto che l'Assessorato a...

La Provincia di Enna si spopola sempre di più: 173.619 abitanti nel 2008, 168.917 nel 2016

 La Provincia di Enna si spopola sempre di più: 173.619 abitanti nel 2008, 168.917 nel 2016

Il Sud Italia si sta svuotando sempre di più e questa tendenza non prospetta altro che una progressiva desertificazione di...

Giornata mondiale della giustizia sociale 2020

 Giornata mondiale della giustizia sociale 2020

Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani celebra la Giornata mondiale della giustizia sociale del 20 febbraio...