Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
23-02-20

 

La terza commissione consiliare, lo scorso mercoledì, ha audito il Sindaco in merito alla problematica legata alla composizione museo multimediale Mitodella commissione di esperti  per l'istituzione del Museo Multimediale del Mito, che ha visto scendere in campo tutte le Associazioni Nazionali Professionali Italiane di Antropologia (ANPIA), dopo l'esplicita esclusione dagli esperti che la compongono della figure professionali previste invece dalla legge. 

Le opposizioni presenti hanno aspramente criticato la scelta della Giunta Dipietro. Nonostante il museo del mito possa rappresentare una tematica interessante, il modo di agire dell'amministrazione ha puntualmente escluso giovani professionisti presenti in città, che come tanti altri, sono costretti a trovare altrove stimoli o sbocchi inerenti ai propri studi.  Le sterili risposte sulla gratuità della figura non convincono di certo e in ogni caso si possono coinvolgere quanti si vogliono spendere allo stesso modo. Non ci sfugge che nel merito l'attribuzione della funzione non possa poi creare presupposto futuro per incarico retribuito. Comunque la città "della cultura avrebbe necessità di obiettivi chiari e definiti" .

Secondo Solfato (M5S) l'Amministrazione è partita con il piede sbagliato in questa vicenda, commettendo il grave errore di creare divisioni anche tra professionisti piuttosto che aggregazione, anche alla luce del fatto che l'opposizione ha votato a favore le somme in bilancio cercando di creare un clima costruttivo sui temi  comuni. 

Per la consigliera Gaetana Palermo, queste commissioni sembrano spinte più dalla campagna elettorale che da veri percorsi costruttivi per la città che, invece, dovrebbero portare ad obiettivi utili per tutti, evidenziando che a questo modo di fare si assiste anche in tante altre tematiche. 

I gruppi di opposizione sono stati  tutti concordi nel ribadire di non essere contrari alle buone iniziative se espletate in modo corretto, ma studiare beni antropologici escludendo a priori gli antropologi non ha alcun senso, oltre che non rispettoso della normativa in vigore. Pertanto hanno invitato il Sindaco a rimediare a questo grave pasticcio.

Stefania Marino (PD)

Presidente III commissione consiliare Comune di Enna

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Commenti   

+1 #1 marco 2020-01-31 09:21
Per cominciare a spendere doveva avvicinarsi la data della campagna elettorale. Inviterei la consigliera campanile che con il suo linguaggio scurrile e provocatorio di non cercare sempre scuse sempre puerili per giustificare l'operato dell'amministra zione e de bene che si ricordi il suo passato DS a cominciare dalle elezioni Provinciali x finire per il momento a viva l'Italia. bacioni :-* :-*
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

In Sicilia le tariffe idriche fra le più alte d’italia a fronte di un servizio poco efficiente

In Sicilia le tariffe idriche fra le più alte d’italia a fronte di un servizio poco efficiente

Con la decisione del Tar di Palermo, che ha decretato l’illegittimità degli atti deliberativi con cui la Regione Sicilia fissava...

Forum acque e beni comuni su aggiornamento dei Piani d'Ambito.

Forum acque e beni comuni su aggiornamento dei Piani d'Ambito.

  Nella difformità delle gestioni siciliane in cui ogni provincia fa caso a sé, il fatto che l'Assessorato a...

La Provincia di Enna si spopola sempre di più: 173.619 abitanti nel 2008, 168.917 nel 2016

 La Provincia di Enna si spopola sempre di più: 173.619 abitanti nel 2008, 168.917 nel 2016

Il Sud Italia si sta svuotando sempre di più e questa tendenza non prospetta altro che una progressiva desertificazione di...

Giornata mondiale della giustizia sociale 2020

 Giornata mondiale della giustizia sociale 2020

Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani celebra la Giornata mondiale della giustizia sociale del 20 febbraio...