Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
12-08-20

dunarea de jos 2020

 

Revisione dell’atto aziendale dell’Asp di Enna e ridimensionamento di alcuni reparti centrali in termini di assistenza ai pazienti sui ospedale Umberto Iterritori: i sindacati chiedono l’intervento di tutti i sindaci per avviare un confronto con l’Assessorato regionale alla Salute.

La nota è firmata da tutte le sigle sindacali dell’area medica della provincia, ad eccezione della sola Uil. Le stesse avevano già richiesto di essere convocate dalla Direzione generale dell’Asp di Enna, alla luce delle variazioni intervenute alla formulazione dell’atto aziendale di settembre. Incontro che è effettivamente avvenuto lo scorso 12 dicembre, con gli stessi sindacati che hanno chiesto alla direzione generale di avere chiariti i “criteri oggettivi che hanno prodotto la proiezione del nuovo atto aziendale”, considerato che lo stesso declassa alcuni servizi ospedalieri ad elevata intensità assistenziale e con fattori di produttività in crescita, in particolare la Pediatria, oltre alla Otorinolatringoiatria e la Dermatologia, mentre vede la proliferazione di Uoc “prive di strutture semplici o ancora all’interno di aree dipartimentali”.

Per “dovere verso la collettività, vista anche la difficile logistica ed a cautela dei servizi produttivi” i sindacati chiedono quindi che della questione sia investita la conferenza dei sindaci del territorio dell’Asp di Enna.

Non si ha contezza dei criteri adottati per la celere declassificazione della Uoc di Pediatria e di Otorinolaringoiatria dell’ospedale e addirittura della Uoc di Dermatologia e Mst non citata nella nota dell’Assessorato in riferimento all’Umberto I di Enna che, anzi, era posticipata la verifica al 30 giugno 2020. Oggi invece si trova declassata una unità operativa complessa come la Pediatrica, che pure accoglie pazienti oltre che dalla provincia di Enna anche da altre provincie (Caltanissetta, Messina, Agrigento) perché rimane riferimento per i pazienti che afferiscono al reparto di Ostetricia e Utin. Andando poi ai dati l’attività del reparto di Pediatria, nel 2019 ha già fatto registrare un tasso di occupazione del 84,20 %, un peso medio dello 0,78 (tra i più alti della Sicilia), 885 consulenze esterne, un numero di ricoveri in regime ordinario di ben 477. Inoltre lo stesso reparto ha visto l’istituzione di ambulatori quasi unici in Sicilia, tra cui quello per il trattamento e prevenzione dell'obesità infantile.

Allo stesso modo risulta che sarà ridimensionata la Dermatologia e Mst che è l’unica struttura specialistica di riferimento dell’intera Sicilia centrale permettendo il ricovero per malattie bollose, reazioni allergiche gravi, ustioni fino al 10%, psoriasi, infezioni cutanee gravi, ulcere cutanee etc. L’Uoc di Dermatologi inoltre è la risposta sul territorio per affrontare sia i melanomi che i tumori cutanei Nmsc attraverso una attenta diagnostica strumentale seguita da intensa attività di dermatochirurgia rivolta soprattutto verso le popolazione anziana riducendo al minimo il disagio di inutili spostamenti verso centri di chirurgia plastica. Non si comprende inoltre la mancata istituzione di Uos come la diabetologia, vista l’alta incidenza e domanda di cura e della Urologia endoscopica che all’ospedale Umberto I° di Enna ha elevati fattori di produttività e livelli qualitativa tali da generare migrazione attiva da Altri territorio.


Nella revisione dell’atto aziendale diverse Uoc, in ambito territoriale e dipartimentale, sono strutture che sicuramente avranno una valenza strategica, ma si ritiene che alcune attività, specie quelle di degenza debbano essere garantite per la tutela della collettività ed evitare viaggi della speranza dei pazienti, specie ai bambini . Per questo si chiede, con la sollecitudine del caso, di volere intervenire, anche in un confronto costruttivo e propositivo con l’Assessorato Regionale della Salute, che dia quel minimo di garanzia che la collettività richiede e di cui ha diritto.

Tutte le sigle sindacali dell’area medica della provincia ad esclusione della Uil

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Enna non può permettersi di farsi scappare l’occasione di un canile comunale!

Enna non può permettersi di farsi scappare l’occasione di un canile comunale!

  Siamo un gruppo spontaneo di cittadini che, venuto a conoscenza di un progetto, pronto per la realizzazione, di un canile...

700 euro ai commercianti: tutto qui?

700 euro ai commercianti: tutto qui?

Il consiglio comunale celebrato ieri ha sancito in modo inequivocabile la strategia politico-elettorale perpetuata dall’amministrazione Dipietro e dai consiglieri che...

“Maratona digitale per la legalità. Uniti contro le mafie”

“Maratona digitale per la legalità. Uniti contro le mafie”

  Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani intende ricordare le figure del giudice Antonio Scoppelliti, del dott. Paolo...

Valguarnera (EN) – Nasce il comitato elettorale a sostegno di Francesca Draià sindaco

Valguarnera (EN) – Nasce il comitato elettorale a sostegno di Francesca Draià sindaco

In previsione della campagna elettorale che ci porterà alle elezioni amministrative del Comune di Valguarnera di ottobre, nasce il Comitato...