Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
07-08-20

dunarea de jos 2020

 

L’U.P.P.I. (Unione Piccoli Proprietari Immobiliari n-d-r-) esprime preoccupazione per la decisione del Governo Conte, di luigi scavuzzoannullare la cedolare secca al 21% sugli affitti dei negozi, introdotta un anno fa per intervenire sulla crisi dei locali commerciali, anche se emanata senza delle regole precise, con delle esclusioni inique, soprattutto per i locali artigiani che non rientravano nei benefici fiscali e dei contratti stipulati in precedenza, perché esclusi.

Per capire la portata di questa decisione bisogna considerare che, senza la cedolare secca, i proprietari dei locali commerciali sono assoggettati all’Irpef, all’addizionale regionale Irpef, all’addizionale comunale Irpef e all’imposta di registro, per un totale che supera abbondantemente il 50% del canone di locazione percepito, al quale deve aggiungersi la patrimoniale IMU e TASI che colpisce il settore immobiliare con un prelievo di oltre 21 miliardi di euro.

L’aliquota ridotta avrebbe favorito la locazione di locali sfitti nel nostro centro storico e non solo, da tempo e sarebbe servita non solo a ridare vita al tessuto sociale, ma anche a portare nuove entrate nelle casse dello Stato, così come dimostra il successo della cedolare secca nelle locazioni abitative, la quale ha consentito di ridurre del 50,45 % l’evasione tributaria negli affitti, così come indicato nella nota di aggiornamento al DEF.

Da un lato, dunque, il Governo dichiara lotta all’evasione, dall’altro, inspiegabilmente, ritira le uniche misure in grado di combatterla davvero. Di particolare gravità, inoltre, è la circostanza che il Governo abbia deciso di abolire una misura intorno alla quale si era raccolto un consenso pressoché unanime, non solo del mondo politico, ma anche delle associazioni dei commercianti e dell’inquilinato.

Per l’U.P.P.I. solo un alleggerimento della tassazione sulla proprietà immobiliare consentirà al settore di riacquistare spinta e di giovare all’economia del Paese intero permettendo al PIL di riprendere a crescere.

 

Il Presidente Provinciale UPPI Enna Luigi Scavuzzo

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Gloria - Abbiamo fatto tutto nell’interesse della Città

Gloria - Abbiamo fatto tutto nell’interesse della Città

  “Ringrazio il capogruppo Timpanaro per l'assist, perché mi consente di dire che l'accelerazione nasce dalla ferma volontà di dare un...

Enna - NIdiL CGIL: sciopero dei lavoratori del call center MICS di Enna

Enna - NIdiL CGIL: sciopero dei lavoratori del call center MICS di Enna

Nella giornata di oggi hanno scioperato gli operatori inbound del call center MICS di Enna (gruppo Abramo Customer Care) a...

Enna – La solita arroganza dell'amministrazione Dipietro

Enna – La solita arroganza dell'amministrazione Dipietro

La conferenza capigruppo convocata stamani ha sancito l’ultimo ed ennesimo atto di arroganza politica consumato dall’amministrazione Dipietro e dai consiglieri...

Enna – Amministrative: Civ.es Correrà da solo, Bruno candidato sindaco

Enna – Amministrative: Civ.es Correrà da solo, Bruno candidato sindaco

  Si è riunito il “popolo” di Civ.Es per deliberare la decisione da prendere in merito alle prossime amministrative. Sono state tante...