Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
21-09-20

dunarea de jos 2020

 

dario cardaci dedalo

 

Ieri, presso i locali della galleria civica di Enna, si è tenuto un importante  incontro sul tema della mobilità e mobilità sostenibiledell'accessibilità agli spazi pubblici. Sono intervenuti numerosi docenti e ricercatori dell' università Kore di Enna, università di Catania, di Messina e università di Maribor (Slovenia), il presidente Nazionale e quello Regionale dell' AIIT (Associazione italiana per l'Ingegneria del Traffico e dei Trasporti ), la facoltà di Ingegneria ed Architettura di Enna, gli studiosi e rappresentanti di Citylabs (società che si occupa di software per lo studio della mobilità al servizio delle amministrazioni) e il rappresentante dell' AIAS ( Associazione Italiana Assistenza agli Spastici). Durante l'incontro si è discusso di diversi temi afferenti i problemi della mobilità urbana ad Enna e non solo ,PUT, PUMS e PGTU e l'accessibilità degli spazi urbani, oltre che di progetti e studi per la mobilità sostenibile. 

A tale tavolo di lavoro si è sentita assordante la mancata presenza dell'Amministrazione Comunale di Enna che ha preferito ancora una volta snobbare la discussione con associazioni, rappresentanti cittadini professionisti di fama nazionale e internazionale del settore su temi che certamente interessano l' intera comunità ennese, a partire dalla mancanza di un Piano Urbano del Traffico.
Inoltre, in qualità di cittadino, ho provato imbarazzo nell' assistere ai disservizi del bus navetta scambiatore del parcheggio Pisciotto subiti dai professionisti, docenti universitari, studenti e cittadini presenti.

Continuo a sostenere che la mobilità sia una delle maggiori criticità di Enna, che non consente la corretta accessibilità agli spazi urbani e lo sviluppo delle attività commerciali. Snobbare tali argomenti fa riferimento ad un secolo che ci siamo già lasciati alle spalle.

Marco Castagna

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Commenti   

+3 #1 gaetano Santi cutron 2019-12-07 08:23
Quando il mio studio era ad enna, faceva parte dei 7 studi accreditati del programma civitas della commissione europea. Noi siamo stati i primi a portare una città siciliana nel programma. Ancora prima di Palermo.

Quando lo proposi al comune di Enna, sembravo un marziano venuto sulla terra a distruggere gli ennesi.
Enna tutt'oggi non ha una via ilita sostenibile e di idee ne ho proposte una marea che, turisticamente, sarebbero state una bella risposta alla competizione globale tra città.
Prima si inizierà a fare marketing serio, nn quelli da eventi che è preistoria, prima Enna farà turismo.
Peccato vedere Enna sempre poco valorizzata.
Me ne andai xchè nn vidi una comunità che voleva crescere.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Non è vero che i frutti debbano cadere per forza vicino al ramo!

Non è vero che i frutti debbano cadere per forza vicino al ramo!

  Voglio rivolgermi ai giovani democratici, non perché sia turbato dal contenuto della nota, nonostante questo sia il secondo attacco personale...

DURA LEX, SED LEX

DURA LEX, SED LEX

Cominciamo citando la norma, così da andare dritti al punto: "Il personale che riveste funzioni direttive negli uffici o nelle...

30° anniversario della morte del giudice dott. Rosario Livatino

30° anniversario della morte del giudice dott. Rosario Livatino

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti delle discipline dei Diritti Umani ricorda il 30° anniversario della morte del giudice dott. Rosario...

Giovani UDC: Referendum, Votiamo NO per salvare la nostra Democrazia

Giovani UDC:  Referendum, Votiamo NO per salvare la nostra Democrazia

"Amiche e Amici, Domenica e Lunedì siamo chiamati a votare per il Referendum Costituzionale sul Taglio dei Parlamentari. Come già annunciato...