Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
23-01-20

 

Potenziare la Mediazione Civile obbligatoria - una delle poche Leggi  buone in grado di aiutare  i cittadini a risolvere anpar logopacificamente l'insorgere di controversie, "questa deve essere una delle priorità di questo Ministro e di questo Governo",  è quanto affermato dal giurista d'impresa, dott. Giovanni Pecoraro - presidente dell'ANPAR, Associazione Nazionale  dell'arbitrato e la Conciliazione dal 1995.  La mediazione civile, come regolata dal d.lgs 28/2010, strumento ormai largamente affermato quale realistica alternativa alla risoluzione giudiziale delle controversie, che ha consentito, in particolare a giovani professionisti, attraverso una formazione continua di intraprendere una professione, che nel tempo, consolidandosi di più, ha dato ampie e soddisfacenti aspettative, Se, però queste aspettative - continua Pecoraro - dovessero venir meno, la maggior parte dei  Professionisti mediatori,  sono pronti pronti a chiedere il reddito di cittadinanza e a cancellrsi dalle rispettiva casse di previdenza degli Ordini professionali di appartenenza.  I Dati ISTAT, dicono inconfutabilmente che la mediazione civile è stata in grado in poco più di 5 anni dalla sua entrata in vigore, a deflazionare  il carico giudiziale e allora  ci si chiede, perchè nelle misure di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell’arretrato in materia di processo civile e nell'atto di indirizzo politico-istituzionale per l'anno 2020 del Ministero della Giustizia,  si dice di tutto tranne che della mediazione civile e commerciale? Eppure, il Ministro nel richiamato atto d'indirizzo  dice che "In una prospettiva di opportuna evoluzione delle precedenti linee programmatiche, nel corso del 2020 questa Amministrazione tenderà ad un’implementazione dell’efficienza del sistema giudiziario e amministrativo, in vista di un progressivo maggiore e migliore soddisfacimento delle esigenze del cittadino che si rivolge alla giustizia". Caro Ministro - dice ancora Pecoraro - non ci potrà mai essere "un maggiore e migliore soddisfacimento delle esigenze del cittadino" se, come sembra di capire intende privilegiare la normativa della negoziazione assistita (fallita fin dal suo nascere)  a discapito della mediazione  emanata a seguito di una Direttiva dell'U.E. e che tanto bene sta facendo alla Giustizia.

 

Ufficiostampa ANPAR

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

41°Anniversario dell’uccisione di Mario Francese

41°Anniversario dell’uccisione di Mario Francese

  Il Coordinamento Nazionale Docenti della Disciplina dei Diritti Umani intende riportare alla memoria di tutti la figura di Mario Francese,...

Crisi idrica ad Augusta: Federconsumatori offre assistenza ai cittadini

 Crisi idrica ad Augusta: Federconsumatori offre assistenza ai cittadini

Il perdurare della crisi idrica nel quartiere Isola di Augusta, dove circa diecimila cittadini da fine ottobre non possono usare...

Giornata Internazionale dell’Educazione

Giornata Internazionale dell’Educazione

  Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani in occasione del 24 gennaio, intende ricordare la Giornata Internazionale dell’Educazione....

Civ.Es lancia la sua proposta per le Amministrative 2020 di Enna: Maurizio Bruno candidato sindaco

Civ.Es lancia la sua proposta per le Amministrative 2020 di Enna: Maurizio Bruno candidato sindaco

Il polo civico Civ.Es, costituito da cittadini, associazioni, gruppi e movimenti appartenenti a diverse sfere del tessuto sociale cittadino, riunitosi...