Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
11-12-19

 

La recente ricerca di Italia Oggi, sulla qualità della vità registrata nelle 107 province italiane, evidenzia lo stato di EmanueleGALLOdifficoltà del territorio di Agrigento, Caltanissetta, Enna. Da tempo denunciamo tale difficile situazione con studi ed interventi pubblici tendenti a stimolare un'azione più incisiva necessaria per sfruttare tutte le opportunità offerte da bandi nazionali e fondi comunitari. Due settimane fa, a Enna, abbiamo organizzato un'interessante tavola rotonda dal titolo"Aree interne: zavorre o risorse?", iniziativa che seguiva il convegno di Agrigento, dello scorso Settembre, sul tema mobilità e infrastrutture nelle aree interne della Sicilia".

La Cisl Agrigento Caltanissetta Enna, infatti, non si limita a denunciare in maniera asettica le difficoltà che vivono quotidianamente i nostri territori ma si pone come interlocutrice attenta e propositiva nella consapevolezza che bisogna muoversi con senso di responsabilità e partecipazione.

I due appuntamenti, ai quali hanno partecipato titolati rappresentanti delle istituzioni locali e regionali, sono serviti da stimolo rappresentando un importante momento di sintesi che ha ravvisato la necessità di fare sistema. Stando alle fredde cifre, nelle tre provincie di Agrigento, Caltanissetta, Enna le persone senza lavoro sono il 23,9% della popolazione attiva che equivale al doppio della media nazionale. Allarmante è il dato della soglia di povertà relativa che sfiora il 50%. Altro preoccupante elemento è la crescita demografica che cumulata all'emigrazione rischia di desertificare ampie fette di territorio.

La Cisl punta, invece, ad un riscatto economico e sociale di questi territori incentivandone la crescita attraverso la creazione di condizioni favorevoli e il rilancio di attività primarie quali l'agricoltura e il turismo che servano da attrazione per nuovi investimenti, così da poter eliminare i punti di debolezza. Accanto a ciò per contrastare questa incessante emorragia bisogna realizzare significativi interventi infrastrutturali sia pubblici che privati, favorendo lo sviluppo delle imprese,agevolando le start- up e stimolando le nascite.

Partendo da queste considerazioni come Cisl continuiamo a dare il nostro contributo di idee. Per evitare marginalizzazione e spopolamento i comuni devono superare l'interesse locale che non è più giustificato e cooperare in progetti di sviluppo sovracomunale, attraverso la gestione associata di funzioni e servizi. Diventano strategici strumenti normativi e finanziari come "Agenda Urbana", la progettualita della "Zes", (zona economia speciale), i programmi contemplati dal processo SNAI (Strategia Nazionale per le aree interne) e i vari "Accordi di programma". Come si vede le occasioni sono tante ma è fondamentale che la burocrazia pubblica snellisca il suo apporto perchè, come venuto fuori anche nel corso dei nostri convegni e tavole rotonde, spesso è un freno dell'azione di governo e di indirizzo di sindaci e assessorati regionali.

Laddove gli strumenti finanziari ci sono è necessario renderli subito operativi, soprattutto nelle aree interne che ogni giorno si spopolano un po' di più e i giovani vanno via per cercare un'occupazione che dia loro dignità e sicurezza. Ma per fare ciò è necessario il coinvolgimento di tutti gli attori sociali presenti sui territori, nell'assoluta convinzione che solo se uniti si è in grado di andare verso la vera giustizia sociale e la crescita economica.

Emanuele Gallo

Segretario Generale Cisl Ag – Cl - En

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Commenti   

+3 #2 SALVATORE 2019-11-19 17:36
Anche io sono iscritto alla cisl FP è vero che in questo momento i nostri segretari non sono espressione del territorio , non siamo rappresentati nel mondo politico / istituzionale come CGIL ED UIL , nelle realtà lavorative ma tutto non vedo negativo. . E' vero dobbiamo crescere e la nostra segretaria ci sta provando ma solo uniti possiamo superare la crisi nelle categorie ( noi ne sappiamo qualcosa ). W LA CISL FORZA e mettiamoci alla pari degli altri.
Citazione
+3 #1 claudio 2019-11-19 13:12
Esiste ancora una cisl? il territorio di Enna è abbandonato ed un sindacato frammentato con i segretari fuori di Enna!!! Non si ha un peso e rappresentanza politica ( come altri sindacati ) nel territorio , non si riesce a combattere per gli ideali che la contraddistingu evano ma sempre a rincorrere gli altri. Forza CISL SVEGLIATI usciamo e siamo piu' rappresentativi . ( SONO ANCORA UN ISCRITTO ) ma questi proclami mi fanno ridere....
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Giornata internazionale dei diritti umani

Giornata internazionale dei diritti umani

  Il 10 dicembre si celebra la storica istituzione della Giornata internazionale dei diritti umani. A 71 anni dalla proclamazione e...

Tocca al nuovo gruppo dirigente ricostituire un tessuto di relazioni e di rapporti

Tocca al nuovo gruppo dirigente ricostituire un tessuto di relazioni e di rapporti

  La fase congressuale che si è conclusa il 6 dicembre 2019 con la celebrazione del Congresso Provinciale è stata un’occasione...

Enna – La Nord Sud va rifinanziata per intero

Enna – La Nord Sud va rifinanziata per intero

  L’assemblea congressuale del PD riunita giorno 6 dicembre 2019, presso l’aula magna dell’I.I.S. “A. Lincoln” di Enna, per eleggere il...

Enna – Rotary: Donazione alberi da frutto per il progetto “Mille alberi a quota mille. Enna respira”

Enna – Rotary: Donazione alberi da frutto per il progetto “Mille alberi a quota mille. Enna respira”

Nell’ambito delle attività che il Rotary e-Club Distretto 2110, il cui presidente è l’ennese Sebastiano Fazzi, promuove per l’anno rotariano...