Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
18-02-20

Apprendiamo, con grande rammarico, dagli organi di stampa l’istituzione ed il successivo trasferimento dei corsi di laurea in Facoltà Medicina Ennamedicina dell’Università Dunarea de Jos fuori dal territorio del comune di Enna. Tale circostanza rappresenta per la nostra città una perdita enorme in termini di presenze e indotto economico. Ci chiediamo quali siano le motivazioni che portano l’amministrazione comunale a chiudere le porte al secondo ateneo della città, con il conseguente risultato di perdere opportunità preziose per il nostro territorio. Riteniamo al contrario che si debbano concentrare i massimi sforzi affinchè realtà come quelle universitarie ed accademiche sfruttino la centralità geografica della nostra città. Tutto ciò significa avere un’idea di massima sul futuro della nostra comunità, la quale giorno dopo giorno arranca sotto il peso di molte scelte sbagliate. L’università ha rappresentato e rappresenta per Enna un punto di riferimento importante ed imprescindibile senza la quale molti operatori economici e di settore non avrebbero operato investimenti, producendo ricchezza, occupazione e prestigio. Nei mesi scorsi si è aperto il dibattito sulla possibilità di trasferire una facoltà universitaria nella parte alta della città al fine di contrastare l’alto tasso di emigrazione: quale migliore occasione ? Rivolgiamo, quindi, un invito al Sindaco Dipietro affinchè si faccia parte attiva nel (voler) trovare una soluzione che potrebbe risollevare le sorti commerciali, abitative e turistiche della nostra comunità. Siamo convinti che la manovra di finanziamento alle aziende che investono nel centro storico ha un senso se le stesse aziende hanno opportunità di sostentamento attraverso l’indotto creato da occasioni come queste, caratteristica ormai identitaria del nostro territorio frutto della lungimiranza della politica. Auspichiamo, infine, che quanto prima il Sindaco si faccia promotore di un tavolo di concertazione al fine di risolvere la questione in oggetto e valorizzare l’intero centro storico della nostra città, il quale non è rappresentato solo dai 100 mt di via Roma ma comprende tutto il perimetro urbano che và dal Castello di Lombardia alla zona Monte.

Paolo Timpanaro

capogruppo PD al Comune di Enna

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Commenti   

0 #1 marta 2019-10-30 10:29
Bhe questa volta è grande !!! La risposta è semplice! LA COLPA NON E' DEL SINDACO ma di chi gestisce questa università. CHE a mio parere politicamente è vicino al LEI.
Come scende in basso Sig. Timpanaro con questi discorsi .... pensi a fare un'opposizione costruttiva. GLI ENNESI NON SONO PIU' BABBI !!! SI RICORDI 5 ANNI FA!!! Chi lavora va premiato e non denigrato.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

La Provincia di Enna si spopola sempre di più: 173.619 abitanti nel 2008, 168.917 nel 2016

 La Provincia di Enna si spopola sempre di più: 173.619 abitanti nel 2008, 168.917 nel 2016

Il Sud Italia si sta svuotando sempre di più e questa tendenza non prospetta altro che una progressiva desertificazione di...

Giornata mondiale della giustizia sociale 2020

 Giornata mondiale della giustizia sociale 2020

Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani celebra la Giornata mondiale della giustizia sociale del 20 febbraio...

Le Partite Iva Ennesi vanno avanti: Piattaforma per il bene del Popolo

 Le Partite Iva Ennesi vanno avanti: Piattaforma per il bene del Popolo

Le Partite Iva ennesi non si fermano ma sono più convinte che mai che è arrivato il momento di far...

Reddito Minimo di Inserimento: per i percettori le sorprese non mancano

Reddito Minimo di Inserimento: per i percettori le sorprese non mancano

Per i beneficiari del Reddito Minimo di Inserimento o Cantieri di servizio che dir si voglia la povertà rimane povertà...